PIANO MANTOVA: IMU E TASI A RATE ENTRO IL 16 DICEMBRE SENZA SANZIONI E INTERESSI

Mantova, 22 maggio – Il 16 giugno dovrebbero entrare nelle casse del Comune 12,2 milioni di euro, la quota dell’acconto Imu e Tasi. La giunta Palazzi ha però scelto di consentire ai mantovani di non versare l’acconto il 16 giugno, e di permettere a chi non riesce a pagare l’acconto di farlo a rate, senza sanzioni e interessi entro il 16 dicembre, data del saldo.

Nell’ambito del Piano Mantova l’Amministrazione ha varato una nuova misura rivolta a cittadini e imprese che hanno subito il duro contraccolpo dovuto all’emergenza Coronavirus.

Ossigeno dunque a cittadini, imprese, artigiani che hanno ora la libertà di assolvere al pagamento di Imu e Tasi entro fine anno anche in modo frazionato evitando così una maxi rata e non incorrendo nelle sanzioni generalmente previste in caso di ritardo nel pagamento.

A chi si rivolge questa misura?

I beneficiari di questa opportunità sono:

  • gli immobili di tipo D, ovvero alberghi, industrie, capannoni artigianali, cinema, impianti sportivi, per queste categorie la manovra vale circa 3, 6 milioni di euro.
  • i negozi e le botteghe artigianali, per loro la manovra ha un valore di circa 1,3 milioni di euro
  • uffici e abitazioni date in affitto, per un valore di circa 6,7 milioni di euro
  • aree fabbricabili e terreni, per un valore di 600 mila euro

Come si accede alla misura?

Sarà sufficiente una comunicazione nella quale si attesta di aver subito un danno a causa dell’emergenza Covid-19. Tale semplice autocertificazione dovrà essere inviata al Comune entro il 30 ottobre.

“In una fase dove la liquidità è il primo dei problemi per privati, imprese e artigiani – ha detto il sindaco di Mantova Mattia Palazzi –, proviamo a dargli ossigeno facendo il massimo che possiamo fare. Il mio invito è però esteso a tutti gli istituti bancari, più accelerano le procedure per concedere i prestiti previsti dai Dpcm, prima scongiuriamo il rischio che alcune attività non reggano i mesi estivi. Bisogna essere rapidi, la liquidità serve adesso”.

Giovanni Buvoli e Mattia Palazzi

“Ora con questa misura diamo un ulteriore aiuto a cittadini e imprese – ha sottolineato il vicesindaco Giovanni Buvoli – dando la libertà di pagare in un lasso di tempo di 6 mesi scegliendo il momento in cui dispongono di maggiore liquidità, sollevandoli da sanzioni e offrendo la possibilità di frazionare il pagamento”.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.