VINO, ROLFI: #IOBEVOLOMBARDO E ANTICIPO PAC AL 70% PER LA RIPRESA. MENO BUROCRAZIA, PIÙ EFFICIENZA E LIQUIDITÀ PER LE IMPRESE

Milano, 25 maggio – “L’emergenza coronavirus ha messo a dura prova anche il comparto vitivinicolo, per cui abbiamo quasi pronto il bando #iobevolombardo da 3 milioni. Siamo vicini al mondo del vino, una realtà che sa sempre ben raccontare la sua terra e trascinare con sè gli altri prodotti. Per questo, ogni intervento di sostegno al comparto, di semplificazione, di efficientamento, nonché di reale e pronto sostegno alla liquidità, per Regione Lombardia è da valutare e da attuare”.

Lo ha detto l’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi di Regione Lombardia, Fabio Rolfi, in diretta sulla sua pagina Facebook con gli attori del mondo vitivinicolo.

Hanno preso parte Silvano Brescianini, presidente Consorzio Franciacorta; Aldo Rainoldi, presidente Consorzio Valtellina; Marco Maggi, presidente Buttafuoco Storico; Massimiliano Tonelli, direttore editoriale Gambero Rosso e il sommelier Nicola Bonera.

VINI IN LOMBARDIA
“Come Regione Lombardia – ha ricordato l’assessore Rolfi – abbiamo già il mondo dell’agriturismo lombardo che ha il 100% di vini lombardi”. “Poiché ritengo importante – ha continuato – valorizzare i nostri vini, credo che sia importante rafforzare il rapporto con il canale horeca. Così, nei Tavoli del vino voglio coinvolgere anche i ristoranti“. “Proprio come puntiamo a fare – ha rimarcato – con il bando del vino da 3 milioni per la metà di giugno. In cui prevederemo sconti per l’acquisto di vino lombardo. Con associati interventi di brandizzazione dei locali con vetrofanie o altri sistemi di riconoscimento per l’iniziativa #iobevolombardo”.

Enoturismo e turismo enogastronomico – ha affermato l’assessore – sono importanti“. “Ecco – ha continuato – io credo che il lockdown ci lascerà una maggiore propensione all’acquisto on line”. “E tra i beni acquistabili – ha evidenziato – ci sarà anche il cibo. Per cui credo che l’abbinamento nella vendita delivery di cibo e vino sia da studiare. Proprio come ha inteso fare Regione Lombardia in queste settimane anche con la nuovissima misura a sostegno della filiera corta”. “L’enoturismo – ha sottolineato – è una grande opportunità. E con le vacanze estive che ci aiuteranno a riscoprire Italia – ha aggiunto – sarà fondamentale valorizzare anche l’offerta enoturistica. Perché il vino meglio di altri realtà sa raccontare la sua terra e trascinare con sé gli altri prodotti”.

“Le misure del Dl Rilancio, che devono essere tradotte nei decreti attuativi, sono – ha detto l’assessore – decisamente insufficienti. E sono misure nazionali, non lombarde, ma cercheremo di poterne disporre per quanto possibile. Con l’obiettivo di evitare che la vendemmia di agosto-settembre sia un problema”.

“Il tema della semplificazione – ha spigato Rolfi – è un problema che va aggredito, non solo affrontato”. “Visto che la burocrazia ha anche origini europee – ha continuato –
particolare attenzione servirà nella definizione della prossima Pac. Ma anche nell’Ocm investimenti”. “Perché la semplificazione – ha sottolineato – è elemento di competitività”.

“Sul fronte liquidità – ha spiegato l’assessore – Regione Lombardia ha velocizzato pratiche. E, con Finlombarda, abbiamo una risposta ad hoc di sostegno al credito per le imprese agricole”. “Data anche l’emergenza – ha annunciato – e il bisogno di liquidità delle imprese agricole, il nostro anticipo Pac di luglio, solitamente del 50 per cento, lo innalzeremo al 70 per cento”. “Quello del vino – ha concluso l’assessore Rolfi – è uno dei comparti più portati all’internazionalizzazione. E i temi della semplificazione e dell’efficienza, su cui come Regione siamo da tempo in capo, sono fondamentali per consentire ai nostri player di competere ad armi pari”.

(L. News)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.