GASOLIO AGRICOLO: DEPOSITI E DISTRIBUTORI MINORI ESCLUSI DAGLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE E REGISTRO


MANTOVA – Importante vittoria sindacale per Confagricoltura, che con l’ultima circolare emanata dall’Agenzia delle dogane ha visto accolta la propria richiesta di esclusione dall’obbligo di comunicazione e dal registro di carico e scarico per depositi e distributori di gasolio agricolo. Tale obbligo sarebbe entrato in vigore a partire dal prossimo primo gennaio.

Il provvedimento riguarda i cosiddetti “depositi minori”, vale a dire i depositi per uso privato, agricolo e industriale di capacità superiore a 10 metri cubi e non superiore a 25 metri cubi, e i cosiddetti “distributori minori”, cioè gli apparecchi di distribuzione automatica di carburanti per usi privati, agricoli e industriali, collegati a serbatoi la cui capacità globale risulti superiore a 5 metri cubi e non superiore a 10 metri cubi. Rimangono soggetti a tali obblighi invece coloro che non rientrano nelle due definizioni precedenti.

Nel provvedimento si specifica dunque che tali attrezzature non sono soggette all’obbligo di comunicazione all’Agenzia delle dogane, e al contempo sono esonerate anche dall’obbligo di inserimento nel registro di carico e scarico semplificato da parte degli operatori.

«Si tratta di un provvedimento importante per il mondo agricolo – spiega Alberto Cortesi, presidente di Confagricoltura Mantova – che esclude la stragrande maggioranza delle aziende agricole, in quanto rimangono soggetti solo i cosiddetti distributori non minori, presenti in poche aziende in provincia. La nostra Organizzazione da tempo stava lavorando, sia a livello centrale che a livello territoriale, per ottenerlo. La semplificazione burocratica e l’alleggerimento normativo sono concetti fondamentali per le nostre imprese, che hanno bisogno di tutele e di libertà per poter lavorare nel miglior modo possibile».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.