AGRICOLTURA. ROLFI: MEZZI AGRICOLI NON SONO TRENI INDUSTRIALI, MODIFICARE CIRCOLARI DEL VECCHIO GOVERNO

Rivedere le circolari ministeriali del 2020 che prevedono una equiparazione tra mezzi agricoli e industriali, per evitare alle aziende agricole di pagare un indennizzo da circa 2.600 euro all’anno. È quello che ha chiesto l’assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi, in una lettera indirizzata ai ministri Stefano Patuanelli (Politiche Agricole Alimentari e Forestali) ed Enrico Giovannini (Infrastrutture e delle mobilità sostenibili).

“Due circolari del 2020 – scrive Rolfi – hanno stabilito che i convogli agricoli debbano sottostare alla stessa disciplina che regolamenta la circolazione dei convogli e dei treni industriali. Per la circolazione dei trattori con rimorchio è dunque necessario chiedere all’Ente proprietario della strada l’autorizzazione alla circolazione come veicolo eccezionale con correlato obbligo di pagamento dell’indennizzo, calcolato in base alle tabelle relative ai convogli e treni industriali. È un salasso per le aziende agricole, che si trovano costrette a pagare un conto da circa 2.600 euro all’anno”.

“Queste disposizioni – aggiunge l’assessore – stanno creando molto malcontento tra gli agricoltori e i contoterzisti. Il transito su strada dei mezzi agricoli è molto meno frequente rispetto alla circolazione di altre tipologie di veicoli eccezionali e l’esborso economico risulta molto oneroso soprattutto in un periodo economicamente difficile come questo”.

“Chiedo pertanto – conclude Rolfi – un intervento urgente in favore delle imprese agricole e dei contoterzisti, anche alla luce del rinnovato impegno di questo governo verso le aziende. Sarebbe un segnale positivo nei confronti di un settore che non si è mai fermato e che rappresenta una eccellenza della Lombardia e dell’Italia nel mondo”. 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.