FESTIVAL SEGNI 2021: IL CAMALEONTE È L’ANIMALE SIMBOLO 2021! IL FESTIVAL SI SDOPPIA E SI TRASFORMA …

SEGNI d’ESTATE dal 26 giugno al 17 luglio e SEGNI d’AUTUNNO dal 23 ottobre al 2 novembre più 5 giorni di anticipazione in una nuova location, l’Isola del Giglio, dal 21 al 15 giugno

La XVI edizione del Festival SEGNI si trasforma in relazione al contesto proprio come il Camaleonte, animale simbolo scelto per il 2021: cambia colori come strategia di sopravvivenza. Per l’evento internazionale dedicato al teatro e all’arte per le nuove generazioni – promosso e sostenuto dal Comune, riconosciuto dal MiC, Ministero della Cultura, e supportato da Tea, sponsor che rinnova l’adesione alla manifestazione – quest’anno gli organizzatori propongono un format completamente rinnovato, inventando strategie di sostenibilità e trovando soluzioni innovative per continuare a garantire a bambini e ragazzi un’offerta culturale sempre più necessaria.

SEGNI si trasforma e si sdoppia: SEGNI d’ESTATE dal 26 giugno al 17 luglio e SEGNI d’AUTUNNO dal 23 ottobre al 2 novembre e 5 giorni di anticipazione in una nuova location tutta da scoprire. Gli oltre 300 eventi tradizionalmente concentrati in 9 giorni, sono spalmati su un periodo più lungo e a cavallo fra due stagioni, per garantire la parte dal vivo nel rispetto del distanziamento. Le due finestre prevedono un numero di eventi giornalieri in grado di evitare assembramenti di pubblico. In estate sono distribuiti tra la metà della settimana e il weekend in modo da offrire al mattino, una proposta di attività da integrare a quelle dei campi estivi, e nel tardo pomeriggio e in serale invece gli eventi dedicati alle famiglie.  

SEGNI e Mantova per il turismo in città – Le limitazioni pandemiche diventano un’occasione per realizzare un progetto artistico rinnovato e per valorizzare i risultati consolidati in sedici edizioni grazie al nuovo format esteso nel tempo e nello spazio. Gli spazi outdoor fruibili in estate garantiscono al pubblico maggiore sicurezza, portano a sperimentare nuove location e nuove tematiche. Il periodo autunnale garantisce l’offerta alle scuole e confida negli effetti dei vaccini.

Inoltre, SEGNI conquista un nuovo palcoscenico sbarcando all’isola del Giglio: l’edizione speciale 2021 prevede 5 giornate di anticipazione del festival in questa location d’eccezione. Il brand SEGNI creato a Mantova viene esportato con un importante ritorno per la città.

Il programma della XVI edizione di SEGNI darà a Mantova visibilità sui circuiti del turismo estivo per famiglie in un anno in cui è fondamentale rilanciare l’immagine della città, dandole visibilità come meta di turismo culturale anche in estate. Il brand SEGNI Mantova, arte e teatro per bambini e ragazzi, internazionale, di qualità e in location straordinarie fra natura e cultura, prevede per il 2021 eventi esclusivi con piccole capienze e spettacoli fortemente esperienziali. Nuove tecniche legate all’uso di podcast e di cuffie audio per spettacoli itineranti che trasformano così il distanziamento in occasione di rinnovamento artistico, mantenendo l’esperienza comunitaria rappresentata dal teatro.

Una vetrina per gli sponsor, uno stimolo per i giovani spettatori e le scuole – Un programma complementare con spunti didattici, laboratori tematici e proposte di formazione e approfondimento sarà anche on line sulla piattaforma segninonda.org, creata nel 2020 grazie alla collaborazione con esperti dell’età evolutiva.

La piattaforma non è un luogo sostitutivo dello spettacolo dal vivo ma uno spazio di approfondimento e consolidamento della relazione con il pubblico, pensato per sperimentare e sfidare le frontiere dei linguaggi più adatti alle generazioni digitali. SEGNI IN ONDA costituisce la possibilità, per il festival e per Mantova, di raggiungere pubblico in tutto il mondo: i numeri del 2020 insieme alla nuova location 2021 dell’isola del Giglio rappresentano già una grande vittoria per la città che sostiene l’evento dall’inizio.

Gli organizzatori si augurano che questo ampliamento del pubblico possa aiutare anche la sostenibilità del progetto che, penalizzato da un numero di biglietti vendibili ridotti e volendo restare un progetto artistico democratico, è ancora alla ricerca di sponsor e sostenitori. 

La XVI edizione e l’animale simbolo – Per un’edizione così camaleontica la scelta dell’animale simbolo non poteva che cadere sul piccolo rettile che cambia colore e si presta a parlare di trasformazione, una delle parole chiave del festival 2021 e in generale di questo particolare momento che stiamo vivendo. Mutando colorazione per comunicare le sue emozioni, questo animale, ci ricorda anche l’importanza di imparare a riconoscere le emozioni e ad esprimerle. Il suo agire mimetizzandosi inoltre invita ad essere sensibili all’ambiente che ci circonda senza alterarlo, nel rispetto di equilibri ed ecosistemi, confermando l’interesse del festival a continuare anche per il 2021 la riflessione con le nuove generazioni sui temi della sostenibilità ambientale dalla quale ormai non si può più prescindere. Anzi, il concetto di sostenibilità viene indagato a 360 gradi anche in relazione a quella economica del settore dello spettacolo dal vivo e include il concetto di equilibrio in senso ampio, nell’uso delle risorse, nel rapporto con l’ambiente e nella condivisione dei ruoli.           

L’invito lanciato dalla sedicesima edizione di SEGNI è quello di esplorare cambiamenti ed emozioni attraverso l’arte e le performing arts per contribuire al recupero del benessere delle nuove generazioni e dell’intera comunità.

IL CAMALEONTE

Sfacciato, futurista e arcaico al tempo stesso, il Camaleonte è un rettile squamato che cambia colore per esprimere un preciso stato emotivo. Erroneamente c’è chi pensa che lo faccia per nascondersi, ma in realtà la variazione di colore – dovuta a strati di cellule specifiche che si trovano sotto la pelle trasparente di questo animale – è il suo modo di comunicare al mondo le proprie emozioni.

Usa i colori per comunicare con un forte richiamo all’arte visiva e ai linguaggi artistici che mettono in campo codici diversi per esprimere stati d’animo, concetti, storie.     

Il Camaleonte è una creatura emozionale che invita ad esplorare l’universo degli stati d’animo che ci rendono tutti umani, a riconoscere e a comunicare senza paura le proprie emozioni perché non possono che renderci più belli e “colorati”. 

Il suo agire mimetizzandosi inoltre è un invito ad essere sensibili all’ambiente che ci circonda senza alterarlo, nel rispetto di equilibri ed ecosistemi.   

Originario dell’Africa, il Camaleonte, dimora spesso tra le fronde degli alberi che lo avvicinano al sole. Riesce a sopravvivere a lungo senza cibo: capacità dalla valenza simbolica, allude all’importanza di conservare le proprie energie per i momenti difficili. Diversi tribù associano questo animale a una divinità creatrice del mondo.

Una vera e propria meraviglia della natura che è simbolo per eccellenza di evoluzione. Si presta a raccontare le trasformazioni che vanno di pari passo con quelle esterne, i cambiamenti necessari per reagire meglio a una situazione circostante che muta improvvisamente. Proprio come è accaduto con la recente esperienza della pandemia.

Con le sue dita simili a tenaglie e la coda prensile è un maestro dell’arrampicata, coraggioso e meditativo. Con il suo andamento lento e ondulatorio ci ricorda che è possibile raggiungere i propri obiettivi, ciascuno nel rispetto dei propri tempi.

Ha grandi occhi che possono ruotare a 360°, l’uno indipendentemente dall’altro, consentendogli una visuale sempre totale e completa. Questa visione binoculare allude alla saggezza e la sua lingua appiccicosa e lunga suggerisce di prestare attenzione alle parole.     

Tutte queste caratteristiche fanno del Camaleonte il simbolo perfetto della sedicesima edizione del Festival SEGNI che si arricchisce per il 2021 di nuovi colori, aprendo una finestra estiva accanto a quella autunnale. Un festival che si evolve, sperimentando nuovi spazi, luoghi e tempi. Un festival sensibile all’ambiente e alla sostenibilità che indaga a 360° così come il mondo delle emozioni che racconta e fa vivere.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.