MANTOVA – Al via la 9ª edizione della Rassegna musicale MANTOVAINCANTO. Due eventi: 18 giugno e 19 agosto

Mantova, location d’eccezione, è la base di partenza o il dettaglio indispensabile che caratterizza questa Rassegna. In streaming al Teatro Bibiena con la tecnologia più avanzata e in presenza nel Palazzo Te, simbolo della città, la Rassegna è visibile anche su Facebook e Youtube.

Torna anche quest’anno, la nuova edizione di MANTOVAINCANTO, la rassegna ideata dall’Associazione AMAREMANTOVA. La rassegna MANTOVAINCANTO2021 è resa possibile grazie al consueto contributo del Comune di Mantova e si fregia della collaborazione del Centro Antiviolenza “TELEFONO ROSA” di Mantova, dell’Associazione “Nazionale Italiana Cantanti” e della “Partita del Cuore”.

“Siamo in un periodo storico molto cruciale e difficile per chi opera nel settore della cultura e noi come AMAREMANTOVA non abbiamo mai smesso di creare” commenta il Presidente dell’Associazione AMAREMANTOVA e tenore, Angelo Goffredi.

Gli eventi della rassegna “Mantovaincanto 2021” sono stati presentati, martedì 8 giugno, nella sala Consiliare del Comune di Mantova, dall’assessore Iacopo Rebecchi, dal presidente dell’Associazione Amaremantova Angelo Goffredi e dal presidente di Telefono Rosa Mantova Paola Mari.

Per questa 9ª edizione sono presenti 2 eventi in cartellone:

Venerdì 18 giugno, ore 21: “LA RITA”, opera lirica di Donizetti, messa in scena nel magnifico Teatro Bibiena e trasmessa gratuitamente in streaming sulla pagina Facebook di AMAREMANTOVA (www.facebook.com/AMAREMANTOVA) e sul canale Youtube di Angelo Goffredi (www.youtube.com/c/AngeloGoffrediTenore). Quest’opera è caratterizzata da un forte messaggio sociale, vede come tratto narrativo, il contrasto alla violenza di genere, in particolare contro le donne e sottolinea il mantra di AMAREMANTOVA: la divulgazione dell’opera lirica, quale magnifico genere musicale, ma anche eccellente strumento sociale. “Sono orgoglioso del lavoro di squadra che ha visto la realizzazione di una scenografia originale, ma anche una nuova traduzione del testo originale francese che farà emergere chiaramente il messaggio dell’opera troppo addolcito dalla traduzione italiana ottocentesca, costumi ecosostenibili creati con materiali di riciclo secondo il metodo ECOTEATRO che ha improntato l’opera verso il dogma del recupero e della trasformazione in modo che il teatro sfrutti e ricicli il più possibile così da fondere teatro, società e ambiente. Quindi un mix esplosivo che spero vi terrà incollati allo schermo e vi farà sentire a Teatro” – commenta il Presidente Angelo Goffredi.

Con La Rita nasce la prima opera della storia dove si ribalta lo schema tipico della violenza di coppia: infatti è la donna che picchia il suo uomo. Nell’antefatto Rita sposa un marinaio di nome Gasparo che, il giorno delle nozze, dopo averla picchiata come di consueto l’abbandona e fugge. Rita, convinta della morte del neo sposo in un naufragio, decide di risposarsi con Beppe, un ragazzo timido che questa volta è lei a picchiare. Inaspettatamente, ritorna Gasparo che nel frattempo si è fidanzato con una canadese e da questo punto in poi ne vedrete delle belle! Il personaggio di Rita sarà interpretato dal soprano Federica LIVI, Beppe sarà il tenore Angelo GOFFREDI mentre il vecchio Gasparo sarà il baritono Roberto MAIETTA. Al pianoforte e concertazione il maestro NICOLA DAL CERO, la regia come di consueto è affidata a Lorenzo Giossi e la scenografia realizzata dallo scenografo mantovano Gianluca Spaggiari.

Giovedì 19 agosto, ore 21: “ORIZZONTI ELETTRO-SINFONICI”, evento musicale in presenza nel Cortile d’Onore di Palazzo Te, che punta sull’innovazione e su quanto contraddistingue ormai da anni la nostra associazione ovvero: la SPERIMENTAZIONE. Un concerto in cui saranno messi a confronto due generi agli antipodi quali l’Opera e la musica elettronica. Protagonisti della serata saranno il compositore mantovano Filippo LUI – fondatore della Crystal Music Records, il soprano Cecilia RIZZETTO e il tenore mantovano Angelo GOFFREDI. L’evento è a pagamento previa prenotazione via email (nel pieno rispetto della normativa anti-covid19): amaremantova@libero.it .

“Sono molto soddisfatto nel poter tornare in scena con una nuova edizione di MANTOVAINCANTO, proprio in un periodo così difficile. Con il desiderio di confrontarsi con sfide sempre nuove, la squadra è talmente forte che le collaborazioni escono anche dalla nostra Mantova, arrivando fino a Clusone (BG) [comune colpito duramente durante la pandemia], dove ai primi di agosto replicheremo la nostra “La Rita” in presenza, all’interno della rassegna “Clouzone”, dichiara Angelo Goffredi.

Ricordiamo che l’Associazione senza scopo di lucro AMAREMANTOVA nel 2014 ha assunto la denominazione e l’assetto definitivi. Nata dall’idea di un pool di musicisti ed esperti del settore dello spettacolo – M° Angelo Goffredi in primis – AMAREMANTOVA ha come obiettivo la valorizzazione del ricchissimo patrimonio musicale, con un occhio di riguardo all’opera lirica (riportandola alla sua originaria vocazione POP), incursioni nella classica e nel barocco, contaminazioni con musical, temi da film e melodie d’autore. Un’altra finalità dell’Associazione è dare spazio ai giovani, siano essi impegnati sul palco o spettatori, affezionati o neofiti e agli artisti e maestranze mantovane. I numeri di AMAREMANTOVA in breve sono: un consiglio direttivo di sole 4 unità, 45 eventi organizzati in soli 7 anni, una movimentazione di oltre 650 artisti in prevalenza under 40 ed una pagina FB con decine di migliaia di visualizzazioni.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.