ENERGIA GREEN PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DI GAZOLDO D/ IPPOLITI

Una struttura quasi autosufficiente dal punto di vista energetico.

Il Comune di Gazoldo torna ad investire sull’energia green, questa volta sull’immobile che ospita la scuola media mediante la realizzazione nei prossimi mesi di un impianto fotovoltaico con sistema di accumulo e la sostituzione dei termosifoni con una soluzione che sfrutta le pompe di calore.

Un duplice intervento, inserito nei bandi regionali “Axel” e “Sostituzione di caldaie inquinanti in immobili di Enti locali”, che abbasserà notevolmente i costi delle utenze della scuola. Gli interventi prevedono l’installazione di impianto fotovoltaico con potenza di picco pari a 18,75 kWp e annesso sistema di accumulo con capacità di 31,8 kWh.

“Già durante gli scorsi anni ci eravamo attivati concretamente riguardo agli immobili pubblici, puntando su soluzioni green sia per il bene dell’ambiente che per far fronte ai costi energetici sempre più impattanti sul bilancio – dichiara il sindaco Nicola Leoni – Abbiamo scelto fin dal 2009 di investire sull’energia sostenibile e di farlo cominciando proprio da scuole e palestre. Con l’inserimento alle scuole medie di un impianto fotovoltaico con accumulo e l’introduzione delle pompe di calore verrà a crearsi di fatto un sistema autosufficiente dal punto di vista del fabbisogno energetico. L’energia viene presa direttamente dal sole e utilizzata per alimentare gli impianti e i dispositivi presenti; quella non consumata immediatamente viene accumulata nelle batterie ed usata quando non c’è il sole. In questo modo, i costi delle utenze si avvicineranno allo zero”.

Sempre nell’ambito del bando “Axel”, è stato presentato e finanziato anche un progetto per il palazzetto dello sport, dove già è presente sul tetto un impianto fotovoltaico e solare-termico, che prevede l’installazione di un sistema di accumulo con capacità di 74,2 kWh per poter sfruttare anche di sera l’energia prodotta dai pannelli.

Entrambi i progetti del bando “Axel” sono stati finanziati con un contributo a fondo perduto di 189mila euro, su un costo complessivo previsto di 200mila euro. Una misura di sostegno messa a disposizione dalla Regione per gli enti locali, con l’obiettivo di incentivare un uso più̀ efficiente delle fonti energetiche rinnovabili e agevolare l’utilizzo di sistemi di accumulo dell’energia elettrica prodotta dagli impianti fotovoltaici a servizio degli edifici ad uso pubblico.

Per quanto riguarda invece il bando per la sostituzione di vecchie caldaie inquinanti, sull’intervento candidato pari a circa 190 mila euro, il contributo a fondo perduto assegnato da Regione Lombardia è stato di euro 172.860,20.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.