PESTE SUINA, NUOVO CASO NEL LAZIO. CORTESI: «ATTENZIONE MASSIMA, UN’EPIDEMIA IN LOMBARDIA SAREBBE DISASTROSA»

Notizie non incoraggianti in arrivo dal Lazio per quanto riguarda la peste suina africana: nel parco dell’Insugherata infatti, tra la via Trionfale e la via Cassia, è stato ritrovato un cinghiale infetto.

La notizia mette ulteriormente in allarme il mondo suinicolo, compreso quello mantovano: «Il nuovo caso di peste suina – spiega Alberto Cortesi, presidente di Confagricoltura Mantova – ci preoccupa fortemente, ed è purtroppo la dimostrazione di come le misure preventive da noi da anni caldamente raccomandate non siano state messe in pratica. Se la malattia dovesse diffondersi all’interno della Lombardia, e di conseguenza arrivasse anche nella nostra provincia, sarebbe un disastro senza precedenti».

In provincia di Mantova sono oltre un milione i suini presenti (dato Ats Valpadana), suddivisi in oltre 450 allevamenti. Nel 2020 a Mantova sono stati macellati circa 2,1 milioni di capi, pari al 55% delle macellazioni regionali e addirittura al 20% di quelle nazionali (circa 10,6 milioni di capi).

A livello economico, si può tranquillamente affermare che circa il 15-20% delle carni suine esportate abbia avuto origine in allevamenti mantovani, per un valore superiore ai 200 milioni di euro. In totale, il settore suinicolo mantovano vale oltre 470 milioni di euro (dato 2020 Camera di Commercio di Mantova): «Questi numeri fanno capire l’importanza della suinicoltura a livello provinciale. Dobbiamo mantenere alta l’attenzione, se il virus dovesse diffondersi sarebbe un duro colpo per tutti i nostri allevatori».

Due in particolare le avvertenze: «Occorre in primis ridurre il numero dei cinghiali presenti sul nostro territorio, che stanno ormai proliferando in maniera incontrollata. In questo senso, positivo che anche gli agricoltori stessi, con gli addetti al controllo venatorio, possano contribuire attivamente al controllo della fauna selvatica. Servono poi fondi per migliorare le misure di biosicurezza presenti negli allevamenti».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.