MARMIROLO – MORETTI E CHIAVEGATO I DUE NUOVI VOLONTARI DEL SERVIZIO CIVILE: SVOLGERANNO PRINCIPALMENTE ATTIVITÀ DI ANIMAZIONE PER MINORI

Lunedì 27 giugno sono entrati in servizio presso il Comune di Marmirolo due volontari del Servizio Civile Nazionale. Si tratta di Ilaria Moretti, classe 1996, marmirolese, e Marco Chiavegato, classe 1998, di Roverbella.

Da sx: Barbara Pezzini (ufficio cultura), Silvia Caimi, Marco Chiavegato, Ilaria Moretti, Paolo Galeotti, Jessica Alberti

Ad accoglierli in municipio sono stati il sindaco Paolo Galeotti, l’assessore al Welfare Jessica Alberti e la Responsabile dell’Area Cultura e Servizi Sociali Silvia Caimi.

Moretti e Chiavegato sono stati inseriti nel contesto del progetto che vede come capofila il Comune di Ceresara e che prevede principalmente attività di animazione per minori (anche nel Cred) e di sostegno agli eventi pubblici organizzati dall’Ente comunale.

La co-progettazione fra i cinque Comuni coinvolti – tra cui Marmirolo – ha come obiettivo quello di continuare il percorso territoriale congiunto che già da anni viene attuato all’interno del distretto socio-assistenziale mantovano e all’interno dell’ATS Val Padana, mettendo in compartecipazione esperienze, educatori e personale, al fine di ottimizzare le risposte nei confronti della cittadinanza. Tutti gli obiettivi dei singoli comuni infatti afferiscono ai rispettivi Piani Sociale di Zona e riguardano un’area territorialmente omogenea.

Il progetto contribuisce alla buona riuscita del programma rivolgendosi ad una particolare fascia fragile della popolazione, quella dei minori, al fine di sostenere l’inclusione sociale e la partecipazione alla vita sociale e culturale degli stessi.

“Il servizio civile – commenta l’assessore al Welfare Jessica Alberti – rientra tra le iniziative che sosteniamo a favore delle politiche giovanili del territorio ed è da sempre considerata un’esperienza di crescita e di maturazione per i ragazzi. Quest’anno le attività saranno prevalentemente focalizzate sui servizi di animazione per i minori (compresi i Cred estivi) e i ragazzi saranno coinvolti durante gli eventi di carattere culturale e sociale che verranno organizzati sul territorio”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.