CARNE TRADIZIONALE VS CARNE SINTETICA. CONFAGRICOLTURA MANTOVA PORTA IL DIBATTITO A BOVIMAC

Gli animali salveranno il mondo? Certamente sì, a patto che l’uomo ne abbia una gestione intelligente e razionale. Questo quanto emerso dal convegno “Gli animali salveranno il mondo”, organizzato da Confagricoltura Mantova e andato in scena questa mattina al Bovimac di Gonzaga.

Obiettivo della mattinata era quello di fare chiarezza sui temi della carne sintetica e della sostenibilità degli allevamenti, sempre più all’ordine del giorno.

Di primissimo livello i relatori presenti sul palco, vale a dire il professor Giorgio Cantelli Forti, presidente dell’Accademia nazionale di Agricoltura, il professor Paolo Aimone Marsan, docente di Miglioramento genetico animale presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza, e il professor Andrea Formigoni, titolare della cattedra di Nutrizione a Alimentazione animale presso l’ateneo di Bologna.

«Abbiamo bisogno di sempre più momenti come questo – ha detto in apertura Alberto Cortesi, presidente di Confagricoltura Mantova – perché il racconto che abbiamo oggi dell’agricoltura è errato e distorto. Spesso si racconta senza competenze, come nel caso dell’argomento odierno, le proteine sintetiche. Le giudichiamo senza comprenderle appieno, ma noi siamo dell’idea che più si conosce una cosa, meglio la si può affrontare, nel caso in cui servissero contromosse. I “no” a priori li lasciamo ad altre organizzazioni».

Ma la tanto demonizzata carne rossa fa davvero male? «Assolutamente no – ha spiegato il professor Cantelli Forti – dal momento che per la nostra salute è molto più rischioso consumare poca frutta e verdura che mangiare carne. Senza contare che, dal punto di vista nutritivo, per avere gli stessi amminoacidi contenuti in 70 grammi di carne rossa dovremmo mangiare due porzioni di pasta e fagioli, ben più caloriche (700 kcal contro 80). La carne dunque, se assunta nelle quantità giuste, è alimento ideale per tutte le età della vita. La carne sintetica? Al momento non disponiamo delle giuste informazioni, e non sappiamo dunque se potrà avere le stesse caratteristiche nutritive della carne cosiddetta tradizionale. Non abbiamo dati scientifici, solo quando li avremo potremo capire».

L’opinione pubblica punta il dito poi sugli allevamenti intensivi: «Ma una zootecnia intensiva fatta bene come quella odierna – spiega il professor Aimone Marsan – è molto più efficace di quella estensiva, con la quale non si può pensare di sfamare il mondo per un semplice motivo: il suolo non basterebbe. In questo senso innovazione genetica e genomica stanno cambiando il mondo, dandoci animali più produttivi e sempre meno impattanti».

Riusciremo dunque a nutrire 10 miliardi di persone (cifra alla quale arriveremo molto presto)? «Lo faremo tramite gli animali – ha detto il professor Andrea Formigoni – se intelligentemente gestiti. Gli allevamenti, se ben condotti, generano solo benefici, ma devono essere accompagnati da un concetto, quello dell’efficienza, sempre più importanti nelle nostre aziende. Penso soprattutto alla gestione strategica del terreno, elemento dal quale nasce tutto e dal quale occorre partire per ogni ragionamento».

«Faccio un appello anche alla politica – ha concluso Cortesi – dal momento che la nuova Pac ha logiche sì condivisibili, ma non fornisce i giusti strumenti per attuarle».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.