VILLIMPENTA – I BAMBINI FESTEGGIANO I NONNI

3D kids with grandparents - isolated over a white backgrounddi G.Baratti

LA FESTA DEI NONNI è una ricorrenza civile introdotta in Italia nel 2005, quale momento per celebrare l’importanza del ruolo svolto dai nonni all’interno delle famiglie e della società in generale. Viene festeggiata il 2 ottobre data in cui la chiesa cattolica celebra gli Angeli custodi. Il compito di promuovere iniziative di valorizzazione del ruolo dei nonni, in occasione di tale data, spetta per legge a Regioni, Province e Comuni e per questo, anche il Comune di Villimpenta si adopera a patrocinare l’iniziativa organizzara dall’Auser Aiutiamoci Onlus in collaborazione con la Scuola dell’Infanzia “M. Ausiliatrice”.

Alle ore 16,00 tutti i bambini della scuola dell’Infanzia allieteranno i nanno con poesie e canzoni dedicate proprio a loro ma non solo, ci sarà anche una mostra di disegni, il mercatino dei giocattoli usati, gonfiabili e una gustosa merenda per tutti.

Vogliamo prendere l’occasione per raccontare in breve la Festa dei Nonni: è stata introdotta negli Stati Uniti nel 1978 durante la presidenza di Jimmy Carter su proposta di Marian McQuade una casalinga del West Virginia, madre di quindici figli e nonna di quaranta nipoti. La McQuade iniziò a promuovere l’idea di una giornata nazionale dedicata ai nonni nel 1970 lavorando con gli anziani già dal 1956. Riteneva, infatti, obiettivo fondamentale per l’educazione delle giovani generazioni la relazione con i loro nonni, portatori di conoscenza ed esperienza.

Di conseguenza anche gli altri Paesi iniziarono ad introdurre la festa come ad esempio il Regio Unito nel 1990, il Canada nel 1995, la Francia nel 1987 la festa della nonna e nel 2008 quella del nonno.

In Italia nasce per volontà di Franco Locatelli (Presidente dell’Unione Nazionale Florovivaisti – Unaflor), Arturo Croci, Wim Van Meeuwen e Walter Pironi del comitato ufficiale della Festa dei Nonni 1997.

2006-04-30,18,_Blüte,

Il fiore ufficiale della Festa dei Nonni è il Non-ti-scordar-di-me. Secondo la tradizione, la denominazione di “non-ti-scordar-di-me” sarebbe legata a una leggenda germanica, secondo la quale Dio stava dando il nome alle piante quando una piantina, ancora senza nome, gridò: “Non ti scordar di me, Dio!” e Dio replicò: “Quello sarà il tuo nome!”. Secondo una più recente leggenda, il nome sarebbe invece legato a un avvenimento occorso lungo il Danubio, in Austria: due giovani stavano scambiandosi le promesse attraverso il simbolo di questo fiore, ma lui cadde nel fiume e le gridò tale frase come promessa di eterno amore. Dagli antichi il Non-ti-scordar-di-me era considerato un’erba sacra ed era usata nella preparazione di medicamenti per gli occhi

La canzone della Festa dei Nonni “Tu sarai” è stata scritta e realizzata nel 2005 dal cantautore Walter Bassani nell’ambito del progetto di comunicazione sociale della FAI; la sua prima versione venne interpretata da Peter Barcella. Il brano è diventato la colonna sonora del concorso scolastico nazionale di “OKAY” “Fiori e poesie per i Nonni” e successivamente la colonna sonora del corto cinematografico “Tu sarai”.

Il brano dal titolo “Ninna Nonna”, scritto da Igor Nogarotto e Gregorio Michienzi, due autori astigiani (in arte I 2 Così), dal 2006 è stato riconosciuto in via informale come “Canzone Italiana dei Nonni.

Rispondi