ZANINI ARTE – “PRIME E NUOVE MONODIE” DI DAVIDE MATTELLINI

INGRESSO LIBERO

SAN BENEDETTO PO – Per la rassegna Caffè Letterario promosso dalla Galleria d’arte antica e contemporanea  Zanini Arte di Via Virgilio,7 a San Benedetto Po, domenica 24 gennaio alle 18 verrà presentata l’opera letteraria PRIME  E NUOVE MONODIE (1984 – 2014) (Ed. Officina del Libro) di Davide Mattellini, con il Patrocinio del Comune di San Benedetto Po e la collaborazione dell’Associazione culturale La casa di Ros. A dialogare con l’autore la scrittrice Luciana Gandini.

Prime e Nuove Monodie.jpg

“Nell’edizione che si va a presentare – spiega l’autore – ho pubblicato con minimi ritocchi il risultato di questa mia non breve stagione poetica sotto l’unica e generica titolazione di Prime e nuove monodie. La raccolta comprende tutti i versi elaborati negli ultimi trent’anni, ossia dalla giovinezza pienamente calata in studi letterari (Monodie), alla giovinezza trasognata nel cospetto delle passioni (Nuove monodie e Carme bellissimo), sino all’ultimo scorcio di giovinezza, ovvero la maturità disincantata dell’oggi (Terzo libro delle Monodie). A completare il quadro della mia produzione in versi rimangono pertanto i soli tre libri dell’apprendistato versificatorio, attualmente in corso di stampa — sempre per l’editrice “Officina del Libro” di Saronno. Vale a dire: Faci dissepolte (1979-1980), Elpis e Nike (1980-1982) e Vertumnus (1981-1983); raccolte, queste, che nell’insieme uguagliano o superano per quantità l’edizione delle Monodie, ma che comunque restano solo a documentare ciò che sin d’ora io considero i miei impudenti Juvenilia. Pur denunciandone i numerosissimi limiti, non mi esimo tuttavia dal considerare anche i pregi insiti in questi lavori della prima giovinezza: principalmente quello di avere rappresentato una fondamentale palestra per affrontare con disciplina e metodo le sfide dell’arte nel mio successivo e non breve percorso letterario”.

Davide Mattellini1.jpg

Davide Mattellini, mantovano, è giornalista professionista e scrittore. Cronologicamente figlio della generazione artistica del secondo ’900, con essa Mattellini non ha mai diviso alcunché. Nasce pittore diplomandosi maestro d’arte col massimo dei voti, ma già tra i 15 e i 16 anni scopre il mondo della rappresentazione poetica, che gli apre nuovi orizzonti. I suoi principali modelli sono d’Annunzio, Pascoli e Carducci, che danno il via a una ricerca a ritroso nel tempo tesa a recuperare tutto il patrimonio dell’italianità, della latinità e della grecità. Dopo alcune elaborazioni dell’adolescenza, a 18 anni non ancora compiuti raccoglie le prime prove poetiche sotto il titolo di Faci dissepolte (1980), cui seguiranno le sillogi Elpis e Nike (1982), Vertunno (1983) e Monodie (1986). Recentemente, sotto il titolo Prime e nuove monodie ha raccolto in un unico volume le liriche scritte dal 1984 al 2014, per lo più già edite in tre distinte pubblicazioni nel 1986, 1993 e 2000. In un corposo volume di oltre 400 pagine, sotto la titolazione carducciana Juvenilia (in corso di stampa presso l’Officina del libro di Saronno) sono raccolte le liriche degli esordi (1979-1983). Numerosi e variegati, per genere e interesse, gli altri suoi studi pubblicati negli anni. Fra questi, il testo sperimentale Notti landiniane – Quasi una menippea, anzi romanzo, i due romanzi Il saccheggio del paradiso e Fabella, oltre a saggi di varia natura, impegno e argomento.

Tutte le conferenze della rassegna Caffè Letterario si tengono all’interno degli spazi allestitivi della galleria Zanini, con un susseguirsi di mostre d’arte antica e contemporanea diverse ogni mese.

In questo momento in Galleria sono in corso: la MOSTRA ARTE A 360°, la MOSTRA COLLATERALE NELLO STUDIO DEL PITTORE “Gli inediti di Vindizio Nodari Pesenti“, e la  MOSTRA DOPPIA PERSONALE  di ABDALLAH KHALED – TOBIA RAVA’  “PONTI DI PACE”.

L’ingresso è libero sia alla conferenza che alla visita delle esposizioni.

Per informazioni: Cell: 360.952089 (Alfredo) – 335.6716531(Davide) zaninicontemporary@gmail.com – www.zaniniarte.com

Rispondi