CASTEL GOFFREDO – “CARNEVALE DI SUA MAESTÀ “RE GNOCCO LXI”

di G.Baratti

A Castel Goffredo si svolge questo Carnevale dal nome bizzarro, festeggiato a partire dal Seicento, ma ufficialmente testimoniato solo dal 1872. La festa inizierà venerdì 5 febbraio con l’incoronazione di Sua Maestà RE GNOCCO LXI. La corte di Re Gnocco e la corte dei Gonzaga faranno il loro ingresso partendo da piazza Martiri della Liberazione e, passando per via Italia e via Roma, giungeranno in piazza Mazzini dove un palco maestoso sarà lì ad attenderle.

La manifestazione vede la partecipazione di un personaggio eletto sovrano nei giorni precedenti la manifestazione, re Gnocco, dalla corporatura robusta, vestito di tutto punto e con un lungo mantello purpureo, attorniato dalla sua corte reale. Il re regge uno scettro a forma di forchetta che infilza un enorme gnocco, simbolo della festa.

Ad accompagnare le corti vi sarà, inoltre, la figura del “Principe del Tortello Amaro di Castel Goffredo”. Re Gnocco LXI darà lettura del discorso della corona e sarà lui a dare inizio alla distribuzione gratuita degli gnocchi a tutti i sudditi presenti.

Re gnocco Castel Goffredo

Dopo l’incoronazione ufficiale del re e la distribuzione gratuita degli gnocchi seguirà la sfilata di carri allegorici lungo le vie del paese e delle frazioni di Castel Goffredo.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Nei giorni successivi gli incontri musicali, le parate e la distribuzione gratuita di gnocchi si susseguono a pieno ritmo, facendo di questo evento una vera esplosione di colori, profumi e divertimenti.

L’ultimo giorno è di solito prevista anche la premiazione per il miglior carro mascherato.

Durante il pomeriggio si terrà il concorso mascherato per bambini e adulti, al quale potranno partecipare maschere singole o in coppia; la giuria che decreterà i vincitori sarà composta da tre personaggi, tutti al femminile, in vista della Festa della donna.

Re Gnocco legge l'Editto

Editto

Nella Piazza Grande dello Castello di Goffredo, tutti li popoli si trovino lo giorno 12 dello mese di febbraio dell’anno Domini 2010, ultimo Venerdì di Carnevale per omaggiare la persona immersa e grandiosa di

RE GNOCCO LXI

Genti in grande quantità onoreranno lo più simpatico Re della terra ed Egli a tutti, sia sudditi che forestieri, donerà in proporzione alla sua infinita persona, vino ed allegria a volontà.

La grande festa, per volontà dello Re, si perpetuerà anche nello giorno di Sabato 13 e Domenica 14 al fine di sollazzare pure quelli che non sanno smettere per lavoro, per gustarsi un attimo di ristoro.

Re Gnocco il poderoso con i suoi gnocchi riempirà li ventri e con vino ottunderà le menti, ordinerà al popolo di scordar gli affanni, si befferà dei potenti seduti sugli scranni.

Di Lui, che è la forza del cuore castellano, ci resterà un ricordo dolce ed amaro, perchè solo tre giorni regnerà, mentre lo vorremmo in trono per l’eternità.

 Dalla Real Casa degli Gnocchi

Il Primo Ministro Agnolino

princip-tortello-amaro 2010

 

IL PRINCIPE DEL TORTELLO AMARO

Vive da tanto tempo tra le corti castellane, tutti lo conoscono, ma lui schivo è rimasto a banchettare in privato per secoli, almeno 3 ! Finalmente 14 anni fa decise di uscir dal palazzo della Pro Loco a prendere un boccata d’aria.. e scopri’ che tutti nel Castello di Goffredo lo conoscevano, mentre lui aveva perso il conto di quanti gli volevano bene. Preso da gran stupore, entusiasta dall’affetto della sua gente e degli amici limitrofi, affrontò le tavole di mezz’Italia e si fece conoscere da tantissimi buongustai. Il nostro Sire, lo scorso anno, vista la sua bontà e il grande successo che il popolo gli accreditava, decise di incoronarlo e lo invitò nella piazza centrale per dargli ufficialmente l’ambito titolo. Da allora è diventato ospite fisso della Corte del Re e tutti oggi lo chiamano Principe Tortello Amaro ! Il buon castellano, tipico della nostra terra, che non può più mancare alle feste della città. Evviva!

Rispondi