A SAN BENEDETTO PO DUE GRANDI MOSTRE DEL MAESTRO NUNZIANTE

VERNISSAGE – Sabato 27 Febbraio 

ore 17.00 presso il REFETTORIO MONASTICO POLIRONIANO

ore 18.00 presso la GALLERIA ZANINI ARTE

seguirà rinfresco

Sabato 27 febbraio a partire dalle ore 17, il Comune di San Benedetto Po, Club Unesco di San Benedetto Po e il Museo Civico Polironiano organizzano in collaborazione con la Galleria Zanini Arte 1914 le grandi mostre personali del Maestro Antonio NunzianteRINASCIMENTO CONTEMPORANEO”, presso il Refettorio Monastico Polironiano e “PRESENZE RINASCIMENTALIpresso la Galleria ZANINI ARTE (Via Virgilio, 7) a cura del professor Giammarco Puntelli,  con intervento critico del professor Gianfranco Ferlisi.

Le opere rimarranno in esposizione fino al 25 aprile 2016

Nunziante1.jpg

Nunziante nasce a Napoli nel 1956, prodigio dell’ arte sperimenta la pittura ad olio a soli otto anni. Nell’ ’83 l’America incontra l’opera di Nunziante agli Artexpo di New York e Los Angeles. Nel ’90 è Tokyo ad ospitarlo con una personale. Nel ’91 ancora New York e  nel ’92 Firenze. Nella mostra ‘Il Valore della Figura’ del ’96 presenzia con due opere tra i più grandi del ‘900 italiano: Bueno, Cascella, De Chirico, Guttuso, Modigliani, Morandi, Marino Marini, Severini e Sironi. Il nuovo millennio Nunziante lo accoglie con ‘Dimensioni Parallele’, esposto nel 2001 al museo Bossuet-Meaux di Parigi nella mostra ‘Hommage A’ L’ile Des Morts’ accanto alle opere di Salvador Dalì e Max Ernst. Questo è anche il decennio delle grandi conferme, dei successi e dei riconoscimenti; espone a New York, Philadelphia, Londra, Parigi, Miami e Praga.

Oggetti cm 40x40, 2016Il 2009 è l’anno delle grandi antologiche nei musei di Torino e Roma, della mostra di Beverly Hills “Metaphysical & Surrealism” con Dali, Ernst, Tanguy e Delvaux, dei record price raggiunti nelle aste di Sotheby’s Milano a maggio e novembre. Ma è l’ anno 2011 a consacrarlo con la mostra ‘Nunziante dal Caravaggio’ a Castel Sismondo, dove Nunziante si ispira e si confronta con ‘L’estasi di San Francesco d’Assisi‘ (circa 1594). Si rimane affascinati dal percorso all’ interno del castello tra le opere di Caravaggio, Gentileschi, Strozzi, Zurbaràn, Ribera, Van Dyck e Hals per poi arrivare a quelle di Nunziante. Con Caravaggio, il maestro riscopre la tavolozza del bitume, dell’ ocra e della terra di siena. Stessa tavolozza la ritroviamo anche nelle opere di Fiesole nella mostra ‘Bocklin, de Chirico, Nunziante’ che lo vede ancora presente con la storia dell’ arte. Una tappa personale al Chiostro del Bramante di Roma e poi Genova a Palazzo Ducale accanto a Van Gogh, Gauguin, Monet, Turner, Kandinsky, Wyeth e Homer dove Nunziante trova una nuova ed inedita gestione della materia e un ritorno ai colori complementari. Le opere delle quattro grandi mostre del 2011 sono ritenute tra le più alte della carriera del maestro.La notte della luna cm 18x24,Tali capolavori più nuove opere conquistano la città di New York con la grande personale del 2012 a Soho dal titolo “Works”. All’inaugurazione tra vari personaggi di spicco della scena newyorkese è presente il Console Generale Italiano a New York. In occasione dell’anno della Cultura Italiana cinque grandi opere saranno esposte nella sede del Consolato Italiano di New York fino a giugno 2013. Saranno due importanti successi a segnare il 2013: i record price da Sotheby’s New York, con gli oli “Progetto per un viaggio ancora possibile” e “Atelier sul mare”, aggiudicati rispettivamente a 62.500 $ e 68.750 $. Il 2013 si chiude con una prestigiosa personale a Dubai, presso il Capital Club, circolo privato internazionale nel cuore del centro finanziario. Presenti numerosi giornalisti di testate locali ed internazionali (tra cui Sky News Arabia), membri della famiglia reale, il console generale d’Italia, importanti galleristi e noti imprenditori. In questa occasione all’artista è stato consegnato l’Award Certiluxe, ambito premio per la diffusione dell’arte.

Immaginaria cm 40x50, 2015Il 2014 si apre con una collettiva internazionale a Palazzo Reale di Torino: ‘Doppio sogno’ in cui l’opera del maestro è stata affiancata a quelle di De Chirico, Warhol, Casorati, Boetti, Savinio, Hirst, Schifano, Baj, Rotella,  Chia e Botero. Un anno caratterizzato anche da due importanti antologiche in terra toscana: la prima presso Palazzo Medici Riccardi a Firenze in contemporanea con il Maggio Fiorentino e la seconda presso Palazzo Panichi di Pietrasanta  in occasione dei festeggiamenti dei 500 anni dalla morte di Michelangelo Buonarroti. Giungiamo ad oggi con la collettiva internazionale itinerante “Imago mundi” recentemente inaugurata presso la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino, alla presenza di Luciano Benetton, che ha voluto riunire  ‘le diversità del nostro mondo in nome della comune esperienza artistica’ commissionando ad alcuni artisti un’opera il cui unico vincolo da rispettare fosse il formato: 10×12 centimetri.

Interno cm 40x50, 2015L’evento proseguirà, in concomitanza con la Biennale di Venezia, alla Fondazione Cini. Nel frattempo a Mantova, Casa del Mantegna ospita “Magnifico”, una mostra evento per inaugurare il progetto “Avanguardia Rinascimentale” con opere recenti del maestro.  All’opening sarà inoltre consegnata a Nunziante la medaglia del Presidente della Repubblica da parte dell’Accademia della Torre di Carrara come rappresentante autorevole dell’arte italiana nel mondo e artista dai linguaggi e dalla ricerca internazionale, proprio nell’anno nel quale l’Italia ospita l’esposizione universale. I Grandi  eventi internazionali del 2015 sono la mostra “De Chirico, Nunziante: Oltrte le apparenze”, nello storico Palazzo Mathis di Bra, a cura di Cinzia Tesio, e l’esposizione “From Picasso to Nunziante” che si è tenuta al museo Oud Sint-Jan di Bruges in ottobre, dove  è stato possibile ammirare una selezione di quaranta capolavori di Nunziante affiancati da 150 capolavori di Picasso, un centinaio di lavori di Chagall e Mirò e una selezione di capolavori degli artisti della Scuola di Barbizon, come Corot, di Impressionisti, da Renoir a Monet e Degas, di Fauves e Surrealisti, fino a Salvador Dalì. Nasce così il progetto della mostra eccezionale curata da Guido Folco, direttore del Museo MIIT di Torino ed editore del mensile “Italia Arte”, che vedrà, da giugno a settembre 2016, Antonio Nunziante esporre oltre cento capolavori nella storica esposizione che il museo Oud Sint-Jan dedicherà a Pablo Picasso, Joan Mirò e, appunto, Nunziante.

Oggetti 30x35, 2016Dall’appuntamento del Museo MIIT di Torino, la mostra si sposterà al Museo Altes Dampfbad di Baden-Baden, in Germania, per proseguire tra Milano, Lugano e la Pall Mall Gallery di Londra, fino alla Zhou Brothers Art Center Foundation di Chicago, per tornare, infine, al Museo Oud Sint-Jan di Bruges con l’eccezionale mostra “Picasso, Mirò, Nunziante”, evento unico nel panorama mondiale: mai prima d’ora un artista contemporaneo è stato scelto da un museo per partecipare ad una mostra dedicata al più grande artista della storia, Picasso e ad un altro mostro sacro, come Mirò.

INFO.: Galleria Zanini Arte Via Virgilio 7, San Benedetto Po (Mn) Cell. / 360.952089 – 335.6716531  — aperto tutti i giorni: 10-12 / 15.30-19.00 zaninicontemporary@gmail.com  — www.zaniniarte.com

 

Annunci

Rispondi