MANTOVA – 202esimo ANNIVERSARIO DELL’ARMA DEI CARABINIERI

L'arrivo del Prefetto Carla Cincarilli con il Ten. Col. Fabio Federici

L’arrivo del Prefetto Carla Cincarilli con il Ten. Col. Fabio Federici

di Paolo Biondo

Con una cerimonia, sobria nel suo copione, ma pregna di significati nel suo incedere, l’arma dei carabinieri, nella sede del Comando provinciale di Mantova, ha vissuto lunedì 6 giugno il tradizionale momento dedicato alla ricorrenza della sua fondazione.

L'arrivo del comandante del Tenente Colonnello Fabio Federici

L’arrivo del comandante Caserma dei Carabinieri di Mantova – Ten. Col. Fabio Federici

Da 202 anni ad oggi la figura del Carabiniere è considerata dalle persone di tutte le generazioni un importante e fondamentale punto di riferimento non solo per quel che concerne il tema della sicurezza e della lotta alla illegalità. L’arma, infatti, è per l’intera comunità uno degli elementi chiave del vivere quotidiano, l’opera svolta sul territorio da queste persone molto spesso si traduce in un momento in cui i valori umani e sociali trovano la loro espressione massima.

La cerimonia dedicata a questa ricorrenza svoltasi all’interno della caserma “Colonnello Emanuele Trotti” di via Chiassi nel capoluogo cittadino è stata vissuta con una forte intensità emotiva da tutti i presenti.

In precedenza vi è stata la posa di una corona d’alloro al monumento dedicato al vice brigadieri dei carabinieri Salvo d’Acquisto nell’omonima piazza.

A condividere l’orgoglio delle persone in divisa, sia quelli ancora in forza e sia quelli che ora in congedo si sentono comunque parte integrante di questo corpo, vi erano tra gli altri il prefetto, Carla Cincarilli, il vescovo monsignor Roberto Busti, il procuratore della Repubblica, Manuela Fasolato, il presidente del Tribunale di Mantova, Luciano Alfani, il questore, Salvatore Pagliazzo Bonanno, e i massimi esponenti delle altre forze dell’ordine presenti sul territorio virgiliano dalla Guardia di Finanza alla Polizia Locale, compresi i Vigili del Fuoco.

Oltre a loro vi erano numerosi parlamentari e consiglieri regionali, i sindaci dei comuni mantovani a partire da quello del capoluogo, Mattia Palazzi, il presidente del Parco del Mincio, Maurizio Pellizzer e il vicepresidente della Provincia, Francesca Zaltieri.

Anche il mondo della scuola ha voluto testimoniare la propria stima e fiducia nell’arma dei Carabinieri presenziando con alcuni studenti degli istituti comprensivi di Castigliene delle Stiviere, accompagnati dalla docente Letizia Cioffi, e di Porto Mantovano, accompagnati dalla dirigente Cristina Accordi.

Nel corso della cerimonia sono state assegnate le onorificenze ai carabinieri che si sono distinti nel loro impegno quotidiano nei compiti istituzionali.

Sebbene i dati evidenzino un calo dei furti e delle rapine – spiega il tenente colonnello Fabio Federicinon dobbiamo abbassare il livello di guardia. Da parte nostra sarà sempre garantito ai massimi livelli l’impegno per combattere la delinquenza organizzata e l’illegalità”.

Tutti schierati in parata.jpgInoltre il comandante provinciale nel suo intervento di chiusura ha esortato tutti i carabinieri a garantire: “…. una vigilanza attiva e non interrotta perché la nostra arma non può deludere le tante persone oneste che ancora oggi hanno fiducia in noi”.

In più ha citato un pensiero espresso dal generale Carlo Alberto Dalla Chiese in occasione di un suo intervento a Milano nel 1979 in piena emergenza terrorismo.

Annunci

Rispondi