REGGIOLO – PARTONO LE REGISTRAZIONI DI UN FILM SU MATILDE CON SYUSY BLADY

La signora Matilde copia.jpg

Reggiolo diventa un set cinematografico per la registrazione del film “La signora Matilde” per la regia di Marco Melluso e Diego Schiavo con Syusy Blady. Sabato 9 e domenica 10 luglio e, in occasione della Fiera della zucca, il 17 e 18 settembre, la troupe sarà al lavoro per le strade di Reggiolo.

Lo scopo del film, un progetto di teatro-documentario scritto da Licia Ambu, Marco Melluso, Diego Schiavo e Mariateresa Scorzoni, è quello di ripercorrere le vicende umane e politiche della Grancontessa Matilde di Canossa. La narrazione, grazie anche alla presenza di Syusy Blady, fa emergere Matilde nel suo essere donna chiamata dalla storia a reggere un dominio vastissimo, donna che si confronta con le autorità del tempo in lotta fra loro, papato e impero. La figura di Matilde è però vista in modo da sottolineare il ruolo chiave di Matilde nella società del Medioevo ma, in un’ottica estremamente attuale, in grado anche di far emergere le specificità di genere: la fermezza degli ideali, la coerenza del comportamento, la generosità e apertura verso gli altri, compresa la gente comune, come gli schiavi da lei liberati al momento della sua morte.

Il film-documentario sarà distribuito nei territori matildici, nei canali tv e con la pubblicazione in dvd dalle testate giornalistiche locali a Reggio Emilia, Parma, Modena e Mantova. Il dvd sarà anche disponibile nelle librerie Coop.

Franco Albinelli.jpgL’Amministrazione – ha spiegato l’assessore alla Cultura Franco Albinelliha ritenuto importante cogliere questa occasione. Nel film-documentario è raccontata una figura storica fondamentale per la storia del territorio e si vedranno luoghi identitari di Reggiolo, come la Rocca. La distribuzione del film sul circuito nazionale e internazionale rappresenta davvero una grande opportunità per far conoscere Reggiolo e la sua storia. Tutto questo è stato possibile anche grazie all’impegno del presidente della Pro loco Armando Bosi, che dobbiamo ringraziare, per la sensibilità e la disponibilità. L’associazione, infatti, si è resa disponibile, come sempre, all’aiuto logistico e finanziario, cogliendo il senso e l’opportunità di far conoscere il paese anche con le riprese durante la Fiera della Zucca, volendo in questo modo valorizzare anche l’aspetto gastronomico che sarà inserito nel film. L’assessorato è poi grato alla casa di produzione per aver pensato a Reggiolo, luogo della morte di Matilde di Canossa, come set per la registrazione di significativi paesaggi della pianura padana”.

Rispondi