MANTOVA – CASA ANDREASI: PITTURA E VITA POPOLARE

Ghirardi-15-ottobre-.jpgSabato 15 ottobre 2016 alle ore 17,00 a Casa Andreasi, Mantova Via Frattini 9 – Angela Ghirardi presenta il libro “Pittura e vita popolare. Un sentiero tra Anversa e l’Italia del secondo Cinquecento” (Ed. Tre Lune 2016). Assieme all’autrice interverranno Marinella Pigozzi, Università di Bologna e Claudio Franzoni, storico dell’arte, Reggio Emilia.

pittura-e-vita-popolare-un-sentiero-tra-anversa-e-litalia-nel-secondo-cinquecento-238519

Il libro di Angela Ghirardi è un vero e proprio viaggio che parte da Anversa, plurilingue, trafficata di mercanti di ogni paese e di merci giunte dalle lontane Americhe. I pittori osservano curiosi e trovano, nella narrazione di Plinio il Vecchio sull’antica e perduta ‘riparografia’ (la pittura delle cose umili) dei greci, la giustificazione dotta delle loro sperimentali scorribande nel mondo dei lavoratori manuali. S’affacciano sulle tele venditori di frutta e verdura, di polli, pesci e carni macellate, contadini che s’affaticano nella campagna. Oltrepassate le Alpi è nell’Italia Settentrionale che il viaggio prosegue facendo tappa nel Veneto, a Cremona, a Bologna, dove le ricerche sulla vita ‘bassa’ trovano terreno fecondo di crescita. Alle spalle s’intravede l’ampio orizzonte della letteratura popolare, interessata ai rustici e al cibo, la religione riformata con i suoi aneliti di giustizia sociale e le violenze dell’iconoclastia, il disciplinamento morale dell’età postridentina, l’affermarsi delle scienze naturali e della cartografia.  Un intreccio ricco e complesso che interroga sul significato profondo che i quadri potevano avere: fatti per ridere, per deliziare i sensi, per ammonire?

Claudio Franzoni si occupa da anni di storia della tradizione classica pubblicando monografie e articoli sulla storia del collezionismo e sulla ricezione dell’arte antica in epoca medioevale e moderna. All’interno di questi studi ha approfondito la riflessione sul ruolo del corpo e della gestualità nelle arti figurative. Su questi temi è incentrato Tirannia dello sguardo. Corpo, gesto, espressione nell’arte greca (Einaudi 2006) e Da capo a piedi. Racconti del corpo moderno (Guanda 2014) e sempre ad essi – con particolare riferimento all’attualità – ha dedicato saggi e articoli sulle riviste online ENGRAMMA e DOPPIOZERO. Ha recensito il libro di Angela Ghirardi sul “Manifesto”

Marinella Pigozzi è docente dell’Università di Bologna dove insegna Storia della critica d’arte  e Museologia e collezionismo. Le sue ricerche riguardano l’intreccio arte-scienza, l’anatomia, la storia e la teoria della prospettiva, la quadratura e la scenografia, la tutela, la conservazione e la valorizzazione dei beni culturali. Dirige la rivista on line INTRECCI D’ARTE (http://intreccidarte.unibo.it), fa parte del comitato scientifico della rivista ARTES e della collana Museologia della casa editrice di Firenze EDIFIR. Ha curato la pubblicazione di Il Concilio di Trento e le arti, Bologna 2015.

Rispondi