MANTOVA – LA CONGIUNTURA MANIFATTURIERA NEL TERZO TRIMESTRE 2016

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’analisi della congiuntura manifatturiera relativa al terzo trimestre del 2016, effettuata dal Servizio Informazione e Promozione Economica della Camera di Commercio di Mantova in collaborazione con Confindustria Mantova, mostra valori positivi  per la produzione industriale, anche se in rallentamento rispetto alla media del primo semestre dell’anno, con una crescita del +1,4%.  Positive anche  le performance degli altri indicatori, in particolare sul fronte della domanda interna ed estera così come del fatturato.  Per quanto concerne le aspettative per l’ultimo trimestre del 2016, gli imprenditori mantovani sembrano mantenere una posizione di cautela orientata alla stabilità per la produzione, per la domanda interna ed estera e per l’occupazione. Prospettive in aumento, invece, per fatturato.

Meglio l’artigianato, con una variazione della produzione annua pari al +1,9%. Positivi anche gli ordini interni, esteri e il fatturato..

Il comparto del commercio al dettaglio registra un aumento per il volume di affari  contrariamente alla grande distribuzione per la quale risulta una contrazione del fatturato.

In aumento, invece, il volume d’affari del terzo trimestre relativo al settore dei servizi.

PRODUZIONE INDUSTRIALE PROVINCIA DI MANTOVA

Variazioni tendenziali – III trimestre 2016

TAV.jpgEntrando nel dettaglio, emerge una leggera flessione nei dati congiunturali della produzione industriale, pari al +0,3% rispetto al trimestre precedente nel quale si attestava a un +0,8%. In Lombardia segnali di diminuzione con un valore congiunturale negativo del – 0,2%.

Nella provincia di Mantova, i dati congiunturali risultano tutti in territorio positivo seppure con una crescita piuttosto contenuta. Mentre la produzione rallenta ma si mantiene in territorio positivo con un +0,3%, più decisi appaiono gli aumenti di tutti gli altri indicatori: gli ordini interni ed esteri (+1%) e il fatturato (+0,6%). A  livello lombardo, si evidenzia  un trend positivo per ordini esteri (+1,6%) e  fatturato (+0,8%) mentre stabili appaiono gli ordini interni.

Con riferimento alle variazioni tendenziali della produzione, la provincia di Mantova vede una crescita del +1,4%, superiore rispetto al dato della Lombardia, pari al +0,4%. Nel confronto con le altre province lombarde, Mantova si colloca tra le prime posizioni, preceduta da Lodi, Pavia e Bergamo; Cremona, Como e Sondrio, al contrario, registrano i valori più bassi di produzione.

Sempre tenendo presente le variazioni annue, mostrano un’accelerazione gli ordini, sia  livello interno (+4%) che sul fronte estero (+4,1%). Anche il fatturato conferma il trend positivo con un aumento del +2,2%.

PRODUZIONE ARTIGIANALE PER PROVINCIA

III trimestre 2016

TAV.2.jpg

Nel dettaglio delle attività economiche, relativamente alla media lombarda, nel terzo trimestre 2016 la dinamica della produzione risulta essere molto differenziata. Le variazioni negative riguardano il comparto pelli-calzature (-6,2%), gli alimentari (1,1%), il tessile (-0,9%) e la carta-editoria (-0,4%). I comparti con le performance migliori, rispetto alla media, risultano essere la siderurgia (+3,7%), il legno (+2,8%) e i minerali non metalliferi (+1,1%); incrementi contenuti di gomma-plastica (+0,9%), mezzi di trasporto (+0,6%), meccanica (+0,3%), chimica (+0,2%) e abbigliamento (+0,1%).

Gli altri indicatori congiunturali relativi alla provincia virgiliana restituiscono i seguenti valori: aumenta la quota di fatturato estero che dal 31,3% dello scorso trimestre arriva al  39,9%, così come crescono le giornate assicurate dal portafoglio ordini che passano a 56 giorni contro i 47 del trimestre precedente.

Valori in aumento anche per il tasso di utilizzo degli impianti che raggiunge il 74,3% e per le giacenze di prodotti finiti (+3,6%) mentre risultano in calo quelle dei materiali (-2,4%).

I prezzi delle materie prime registrano un aumento del +1,3%, rispetto all’anno precedente. Livello leggermente in calo, invece, per il prezzo dei prodotti finiti (-0,1%).

Per quanto concerne le aspettative per il quarto trimestre del 2016, gli imprenditori mantovani dimostrano una certa cautela con previsioni orientate a una certa stabilità per produzione, domanda interna e domanda estera. Sentiment più ottimista, invece , per il fatturato. Per quanto riguarda l’occupazione, la quota di chi non prevede alcuna variazione è consistente e supera il 78%. Clima analogo a livello lombardo.

PRODUZIONE INDUSTRIALE PER PROVINCIA

III trimestre 2016

TAV3.jpg

La produzione mantovana relativa al comparto artigianale registra, nel periodo luglio settembre 2016, un aumento tendenziale del +1,9%, valore che risulta superiore rispetto a quello lombardo, pari al +0,8%. Nel confronto con le altre province lombarde, Mantova si colloca in quarta posizione, preceduta da Sondrio, Cremona e Pavia.

Positivi anche tutti gli altri indicatori tendenziali. Gli ordini interni vedono un aumento del +2,7%, quelli esteri registrano un incremento del +4,4% e in crescita anche fatturato con un +2,4% rispetto allo stesso periodo del 2015.

Considerando il comparto commerciale, la variazione relativa al volume di affari mantovano risulta in aumento per il commercio al dettaglio (+1,3%), in controtendenza rispetto alla Lombarda dove l’indicatore mostra un calo del -1,6%.

Trend in contrazione, invece, per la grande distribuzione, sia a Mantova (-0,6%) che in Lombardia (-0,9%).

PRODUZIONE ARTIGIANALE PROVINCIA DI MANTOVA

Variazioni tendenziali – III trimestre 2016

TAV4.jpg

Il settore dei servizi, dal punto di vista del volume d’affari, mostra un -1,3% rispetto al trimestre precedente e un +3,2% rispetto allo stesso periodo del 2015. Il trend della Lombardia evidenzia cali sia a livello congiunturale (-3,9%) che tendenziale (-0,5%).

Carlo Zanetti

Secondo il Presidente della Camera di Commercio di Mantova, Carlo Zanetti, “il dato relativo alla produzione industriale e artigiana, in questo trimestre, continua a mantenersi positivo, risultato incoraggiante per il sistema imprenditoriale mantovano che ci auguriamo possa proseguire ed essere confermato a fine anno. La domanda interna si sta risollevando e l’auspicio è quello di una ripresa del nostro mercato sul quale dobbiamo continuamente puntare per una crescita diffusa e di qualità. La componente estera rimane ancora molto importante, costituendo una scelta strategica prioritaria per un’economia aperta quale la nostra. Proprio per questo motivo è importante mantenere una costante e reale attenzione al monitoraggio del sistema economico mantovano rafforzando strategie di intervento su azioni efficaci per la crescita della sua competitività. Le aspettative degli imprenditori, tuttavia, lasciano intravedere una certa cautela per i mesi in chiusura d’anno prevedendo una certa stabilità per quasi tutti gli indicatori, probabilmente influenzata dalle vicende del ciclo politico nazionale ed estero e dal rallentamento dell’economia internazionale.

Fonte dei dati: Elaborazione Servizio Informazione e Promozione Economica su dati Unioncamere Lombardia

Annunci

Rispondi