EDITORIALE SOMETTI – NOVITÀ LIBRI: “FARFALLE” e “TRE DONNE, UN PAESE, UNA CUCINA”

 

Marzo porta con sé la primavera e una ventata di novità in libreria. Da una parte ci troviamo il racconto emozionante e delicato di Cristina Corradi che mette a nudo il mondo della terza età e il tramonto dell’esistenza nelle strutture geriatriche; un tema attuale che tocca tutte le famiglie italiane e dall’altra, il racconto di sett’anni di storia della grande cucina dell’Ancilla di Pozzolo sul Mincio, la memoria del pesce di fiume e una gastronomia da rilanciare con il patrocinio di East Lombardy 2017, scritto da Carla Stanghellini.

Farfalle

Le farfalle sono i pensieri degli ospiti di un istituto geriatrico. Giulia guarda quelle memorie inceppate, quegli orologi che funzionano solo a ritroso, e vuole dare un peso a quelle menti naufragate.
Qualche tempo prima la demenza senile si è portata via anche la madre, in quelle stanze tutte uguali, dove la casa e la vita passata sono limitate a pochi oggetti posti su un comodino. Conosciamo quindi Ilde, con la borsetta in mano in attesa del suo giovane amore, Mario che parla con un cuscino, Flora che gira le stanze con un bambolotto tra le braccia; ma anche Noemi, lucidissima novantenne che sarà amica e consigliera di Giulia.
Farfalle sono anche i pensieri di Pietro, marito di Giulia: parole taciute, silenzi e allontanamenti che Giulia cerca di arginare, ricercando quell’amore nell’attenzione ai gesti quotidiani e nelle parole non dette. Il racconto delicato e onirico di Cristina Corradi descrive un mondo che si conosce ma che spesso si tende a ignorare o a escludere, quasi ad esorcizzare un destino comune; è tuttavia un buon insegnamento, una piccola lezione di umanità e speranza da accudire in fondo al cuore.
Farfalle romanzo di Cristina Corradi (pp. 96 – euro 13,00|cm 13×20 – b/n|978-88-7495-643-2)

tre donne, un paese, una cucinaIl ristorante Ancilla è stato, per tre generazioni, l’alfiere della tradizione culinaria di Pozzolo, piccolo paese sulle rive del Mincio; una cucina legata alle acque del fiume e alla varietà del pesce d’acqua dolce, in un borgo fluviale che per secoli ha vissuto anche di pesca.
Oggi «Ancilla» non c’è più, dopo aver percorso da protagonista settant’anni di storia gastronomica mantovana; anche il corso del fiume è stato modificato, il paesaggio è stato stravolto e non ci sono più nemmeno i pescatori. Resiste tuttavia la memoria della buona tavola, che né Carla Stanghellini, ultima proprietaria dello storico locale, né i pozzolesi hanno intenzione di cancellare.
Ecco quindi Tre donne, un paese, una cucina. che nella prima parte racconta una storia fatta di lavoro, fatica e successi, e un modo di fare ristorazione che forse è scomparso per sempre; la seconda parte propone un ricco ricettario che ci riporta ai fasti del ristorante e della sua gloriosa cucina: un menu complessivo di 130 portate che fonde sapientemente la tradizione locale della cucina di fiume con la creatività di Carla; un trionfo di sapori che, proprio come Ancilla, riesce a soddisfare ogni palato.
Con il patrocinio di East Lombardy 2017
Tre donne, un paese, una cucina. di Carla Stanghellini (pp. 224 – euro 16,00| cm 17×24 – illustrato|978-88-7495-646-3)

 

 

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.