ANGA MANTOVA – GIOVANI AGRICOLTORI ALLA SCOPERTA DELLA TECNOLOGIA LELY

anga 2.jpg

Una mattinata all’insegna della tecnologia e dell’innovazione quella vissuta dai giovani di Anga (Associazione Nazionale Giovani Agricoltori) Mantova, che si sono recati in visita all’azienda agricola Biagi di Campione. L’incontro è stato organizzato assieme ai tecnici della Lely, l’azienda olandese leader di mercato per quanto riguarda la robotica applicata all’agricoltura.

Circa una ventina di giovani imprenditori agricoli hanno preso parte al tour, che è stato preceduto da un’introduzione teorica sul mondo Lely all’agriturismo Corte Casella di Bagnolo San Vito, a cura del responsabile del Lely Center di Ceresara Morris Peri: «La tecnologia Lely – ha spiegato – si sta sviluppando sempre di più all’interno della provincia di Mantova, a fortissima vocazione agricola. I prodotti più diffusi sono il Lely Astronaut, il robot di mungitura, e il Lely Vector, il carro per la distribuzione del mangime in stalla».

Dopo l’introduzione teorica il gruppo si è spostato all’azienda agricola Biagi di Campione, una realtà in costante e rapidissimo sviluppo. Basti pensare che è passata da 170 vacche alle 500 attuali in pochissimo tempo, e può contare anche su 700 scrofe e su un impianto per la produzione di biogas.

anga3.jpg

Per quanto riguarda il comparto delle vacche da latte, l’azienda Biagi ha installato quattro robot di mungitura Lely Astronaut e un carro automatico per la distribuzione del mangime Lely Vector, con tanto di “cucina” per la miscelazione: «Il mangime – ha spiegato ancora Peri – viene miscelato automaticamente e poi caricato nel carro con una pinza, che si muove su un nastro trasportatore. Ogni volta che il carro passa in stalla, memorizza le aree dove il livello del mangime è più basso, in modo da distribuirne di più il passaggio successivo. Dove ce n’è ancora a sufficienza invece, si limita ad avvicinarlo alle mangiatoie. Importante anche la tecnologia legata ai robot di mungitura. Le vacche ci si recano automaticamente e il software installato le analizza ogni volta, fornendoci dati sulle loro rese e sulle loro condizioni di salute».

I vantaggi di questo tipo di automazione sono notevoli: si va dall’abbattimento dei costi e dei tempi di lavoro alla minor manodopera necessaria per tali operazioni, arrivando naturalmente alla migliore produttività delle vacche, con aumento della produzione di latte e minor stress per gli animali, che non si trovano più ammassati nella tradizionale sala mungitura.

anga mantova1.jpgLa mattinata si è conclusa poi con un pranzo in compagnia, offerto dalla Lely, all’agriturismo Corte Casella di Bagnolo: «Giornata utilissima – ha detto il presidente di Anga Mantova Andrea Carliniabbiamo potuto toccare con mano una nuova tipologia di automazione che si sta diffondendo sempre di più nella nostra provincia e che crediamo rappresenti il futuro per la nostra professione. Un futuro che ci deve vedere sempre più orientati alle nuove tecnologie, in nome di una migliore produttività e di un rinnovato impegno sul fronte del benessere animale. La partecipazione a mio avviso è stata buona, ringraziamo i tecnici della Lely che ci hanno guidato e l’azienda Biagi che ci ha ospitato in visita».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.