TORRI DEL BENACO – TRADIZIONE e VINO in CASTELLO

vino in castello.jpg

Vino in Castello a Torri del Benaco (Vr) è da quest’anno la nuova cornice per la tradizionale festa patronale dedicata a San Filippo Neri, in un percorso che unisce il porticciolo, le piazze e vie del paese bagnato dal lago di Garda dal 26 al 28 maggio 2017.
I partecipanti potranno degustare i vini veronesi delle varie zone di produzione: Soave, Valpolicella, Custoza, Bardolino, Durello, Lugana e Arcole.

A Vino in Castello si potranno assaporare le tipiche specialità della cultura culinaria di questo splendido territorio; il tutto allietato da spettacoli di musica e arte di strada.

L’accesso al percorso sarà gratuito ed aperto a tutti e per degustare il vino gli ospiti potranno acquistare, al prezzo di 10 euro, il bicchiere che darà diritto a max 6 assaggi di vino a scelta. scelta.

festa di san filippo neri.jpg

Una tradizione che è profondamente legata alla storia di Torri d/ Benaco e che affonda le proprie radici alla fine del ‘600 è il dare fuoco alla barca di San Filippo Neri. Si inizia al mattino con il mercatino, per chiudere alle 21,30 con il falò dell’imbarcazione e luminarie sull’acqua davanti al porto.

Fu nel 1681, infatti, che San Filippo Neri divenne patrono di Torri e fu in quell’occasione che venne scolpita la statua che ancora adesso viene esposta alla pubblica devozione in chiesa.
incendio della barca di san filippo neri (foto tip.andreis).jpg

Secondo la tradizione, san Filippo giunse a Torri del Benaco mentre infuriava una terribile pestilenza e bastò la sua presenza per farla cessare, oltre a risanare tutti gli ammalati. Giunta l’ora di ripartire, la gente si oppose e cercò di farlo desistere bruciandogli l’imbarcazione che avrebbe dovuto portarlo a Bardolino: ecco così spiegato il tradizionale “incendio della barca”, che ancora adesso rischiara le acque del lago la sera del 26 maggio”.

Un’altra credenza, invece, sostiene che l’incendio della barca ricorda quando, in tempo di epidemia, sul natante trascinato al largo venivano caricati gli indumenti degli appestati e poi bruciati.

(gb)

 

Annunci

Rispondi