BARBASSOLO – FESTA DEL SALTAREL: QUATTRO GIORNI DEDICATI AL PICCOLO GARBERO DI FOSSO

 

saltarelli fritti

Il gambero di fosso è un piccolissimo gambero lungo circa due centimetri, che vive nelle acque sorgive della pianura padana. Soprattutto nel mantovano lo troviamo nelle risaie e nei fiumi e canali che costeggiano i paesi per questo, è molto apprezzato e compare in alcune ricette tradizionali. Come tradizione vuole, ormai da 24 anni, il Comitato manifestazioni di BARBASSOLO frazione di Roncoferraro organizza da venerdì 4 a lunedì 7 agosto la FESTA DEL SALTAREL.

 

saltarelUna manifestazione ormai consolidata e apprezzata anche dagli estimatori del famoso gamberetto d’acqua dolce che per gustare i piatti tipici della cucina mantovana ovvero, il risot e saltarei e la frittata coi saltarei arrivano a Barbassolo da molti paesi e province limitrofe.

Bisogna precisare che il gustoso saltarel viene pescato nei canali attorno al comune di Roncoferraro e cucinato dai bravissimi mastri risottai dove la ricetta viene gelosamente custodita anche se alcune peculiarità dell’ottima riuscita è soprattutto la qualità del riso coniugata alla selezione della polpa di pesce gatto con l’aggiunta dei saltarei fritti.

 

Il menu oltre al Risot e saltarei offre

Risotto alla pilota

Frittata coi saltarei

Saltarei con la polenta

Bistecca di cavallo

Cotto alla brace

Salamelle e polenta

Cotechino e lingua

Pollo ai ferri

Patatine fritte

Grigliata di verdure

La Festa del Saltarel ogni anno è un successo grazie all’infaticabile lavoro portato avanti da un centinaio di volontari impegnati ognuno nei vari compiti.

Nelle quattro serate oltre alla buona cucina gli organizzatori hanno messo a disposizione gratuitamente l’area spettacoli  per intrattenere il pubblico.

Nelle quattro serate oltre alla buona cucina gli organizzatori hanno messo a disposizione gratuitamente l’area spettacoli  per intrattenere il pubblico.

pieve di barbassolo

 

 

Inoltre è stata programmata una visita guidata alla pieve dei santi Cosima e Damianoda poco tempo divenuta santuario. Per ragioni stilistiche e architettoniche, la costruzione dell’edificio viene fatta risalire al XII secolo e faceva parte di quelle proprietà che Matilde di Canossa aveva donato al monastero di San Benedetto Po agli inizi del XII secolo.

 

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: