MANTOVA – VALERIA PERBONI PREMIATA CON LA TESI “Fratellanza a teatro. Momenti del risorgimento mantovano tra fonti archivistiche e inediti di Lucio Campiani”

Valeria_Perboni.jpg

Sabato 16 settembre è stata premiata, presso la Sala delle colonne del Centro Baratta, la tesi di Valeria Perboni, “Fratellanza a teatro. Momenti del risorgimento mantovano tra fonti archivistiche e inediti di Lucio Campiani.” Terzo premio ex aequo (a fianco di laureati presso le Università di Brescia, Macerata e Bologna) a un elaborato, scelto tra 14 in concorso, che ha inteso mettere a fuoco, anche attraverso composizioni musicali permeate di patriottismo, momenti di storia mantovana vissuti al Teatro Sociale di Mantova in nome di quel nuovo senso di comunanza che a lungo ha caratterizzato l’Ottocento.

I genitori hanno ritirato il premio, essendo Valeria a Londra ammessa dopo una dura selezione alla Royal Academy of Music.

L’occasione per applaudire la “Bella gioventù” che ha intrapreso il cammino della ricerca è stata l’undicesima edizione del Premio Cesare Mozzarelli, lo scomparso insigne storico mantovano docente alla Cattolica di Milano, che elargisce ogni anno riconoscimenti a tesi di laurea o dottorato sulla storia di Mantova e del suo territorio in età moderna e contemporanea. La commissione giudicatrice – composta da rappresentanti dell’Accademia Nazionale Virgiliana, dell’Archivio di Stato di Mantova, del Comune di Mantova, della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio e dall’editore Gianluigi Arcari – ha ritenuto il lavoro della Perboni particolarmente originale e accurato.

La tesi fu discussa (relatrice Isa Melli) nel luglio 2016 a corollario del conferimento del Diploma accademico di primo livello (corso Maestro collaboratore, docente principale Stefano Giavazzi) e si avvalse di esecuzioni solistiche e corali di brani del compositore cui è intitolato il nostro Conservatorio (grazie a trascrizioni allegate alla tesi con l’ausilio di Paolo Buro).

Valeria si è dimostrata insomma, nonostante i suoi 21 anni, una musicista convinta che, come ha scritto: “Gli approfondimenti storico-estetici non possano che affinare il pensiero musicale che, prima di tutto, è Pensiero”.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.