BOLOGNA – La MLB porta ad ArteFiera 2018… LA SUA CAMERA DA LETTO

STANZA DA LETTO

ArteFiera 2018 | Pad. 26 stand B/41 

Fiera di Bologna 2-5 febbraio 2018

La MLB Maria Livia Brunelli home gallery partecipa ad ArteFiera 2018, nella sezione PHOTO, con un progetto molto particolare: come traguardo legato ai dieci anni di attività della casa-galleria, l’idea di Maria Livia Brunelli è stata quella di riproporre in fiera parte della stessa home gallery. Ovviamente non i due saloni rinascimentali dove la MLB ospita i progetti curatoriali legati alle mostre del vicino Palazzo dei Diamanti, ma la camera da letto, dove i visitatori vengono accompagnati a scoprire le ultime novità proposte dalla galleria.

La curatrice, critica d’arte e gallerista Maria Livia Brunelli scherzando dice – “Qualcuno si chiede se dormiremo anche in fiera… potrebbe essere presa come performance! e… risparmieremmo anche sulla benzina!”La camera da letto è infatti il luogo in cui si entra in punta di piedi per poi rimanere affascinati dalle opere che affollano le pareti. Un luogo in cui occasionalmente vengono accompagnati i visitatori, in uno spontaneo gesto di accoglienza in nome dell’arte grazie al quale si crea una immediata empatia con chi visita quegli spazi per la prima volta. In fiera si è deciso quindi di ricostruire la camera da letto della MLB con tanto di letto matrimoniale, comodini e opere alle pareti.

MARIO CRESCI.jpg

Tra queste, una nutrita panoramica di opere di Mario Cresci (Palazzo D’Accursio, Sala Farnese | Piazza Maggiore 6 – Bologna ): dagli storici interni e autoritratti evanescenti di Barbarano Romano degli anni Settanta, alle atmosfere sospese di Martina Franca, fino a opere recenti in cui Cresci si è divertito a giocare con la carta fotografica, piegando e accartocciando fotografie di autori del passato. In esposizione anche opere della serie “D’Après Retablo”, nata dalla fascinazione della natura della Sicilia, alla ricerca nel paesaggio di segni magici, della dimensione del non visibile.

Con nostra grande soddisfazione, – spiega la Brunelli – l’artista è stato selezionato da Angela Vettese per la sezione POLIS/ARTWORKS con una personale da noi organizzata, visitabile nei giorni della fiera, nella Sala Farnese di Palazzo d’Accursio, che sabato 3 febbraio rimarrà aperta fino alle 24 in occasione della Art White Night.

Mustafa Sabbagh- due sorelle albine.jpg

Di toccante intensità sono i ritratti inediti realizzati da Mustafa Sabbagh a due sorelle albine, bambine di una purezza cristallina che ogni giorno camminano sul filo del loro destabilizzante candore (da cui il titolo del ciclo, “Sub limen”). Nello splendido ritratto di spalle delle due sorelle, il corsetto che le unisce sembra legarle ancor di più nel loro vincolo di sangue, in una inquadratura dal raffinato rigore compositivo che fonde realismo magico e ritrattistica fiamminga. Ancora una volta l’artista italo-palestinese si fa portavoce con sensibilità ed empatia di un canone di bellezza che travalica lo stereotipo, mistificante canone di un’omologazione che Sabbagh combatte attraverso il suo silenzioso, potentissimo gesto artistico. L’artista ha in corso due mostre, una alla MLB con Stefano W. Pasquini e una a Casa Romei (Ferrara) con Sislej Xhafa, in collaborazione con la Galleria Continua.

SILVIA CAMPORESI - MIRABILIA.JPG

Silvia Camporesi presenta nuove opere della serie “Mirabilia”, una mappatura delle varie regioni italiane alla ricerca dei luoghi più particolari e poco conosciuti, di meraviglie naturali, costruzioni bizzarre, musei insoliti. Ecco allora fare la loro comparsa le pareti tappezzate di orologi del Museo Guatelli, o la surreale architettura zebrata della Rocchetta Mattei. Ma anche l’incredibile Colosso dell’Appennino, una scultura cinquecentesca di 14 metri accucciata sopra un laghetto di un parco mediceo toscano, pura visione da film fantasy, che, come altre opere, la Camporesi ha scelto di stampare in bianco e nero per poi colorarla con grande pazienza a pastello, con un atto concettuale che gli ridà nuova vita.

ANNA DI PROSPERO Self-portrait with Eleonora.jpg

Anna Di Prospero, artista appena trentenne che ha già ha vinto alcuni tra i maggiori premi mondiali di fotografia, è presente invece con una piccola antologica di opere, tra cui “Self-portrait with Eleonora”, scelta da Concita De Gregorio come immagine di copertina per il suo libro “Chi sono io? Autoritratti, identità, reputazione”, in cui la nota giornalista ha intervistato cinque giovani fotografe italiane. In un’altra opera della serie “Urban self-portrait”, l’artista ritrae se stessa in un poetico ed evocativo autoscatto in cui il suo corpo “interpreta” l’architettura dell’Auditorium di Oscar Niemeyer a Ravello (fotografia che sarà in mostra, insieme ad un’altra ventina di scatti dell’artista, in una personale a maggio 2018 nel Palazzo Ducale di Mantova).

E come ben sa chi ha avuto occasione di visitare dal vero la home gallery, anche in fiera non mancheranno delle sorprese: le nuove opere di Maurizio Camerani e Stefano Scheda, e alcune recenti scoperte.

PREVIEW AD INVITO: giovedì 1 febbraio: dalle 12 alle 21

ORARI: da venerdì 2 a domenica 4 febbraio: dalle 11 alle 19; 

lunedì 5 febbraio: dalle 11 alle 17

INGRESSO: Ovest Costituzione

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.