GAZOLDO D/IPPOLITI – CLAUDIO FRACCARI ALLA POSTUMIA PRESENTA IL LIBRO “NITTALOPÌA – Scritture profane”

Nittalopia.jpgDomenica 14 ottobre 2018 alle ore 17.00, presso la sede dell’Associazione Postumia in Piazzetta Postumia n. 2 a Gazoldo degli Ippoliti (MN), il docente di Storia dell’arte Claudio Fraccari presenta la sua raccolta di aforismi dal titolo “NITTALOPÌA – Scritture profane” (Gilgamesh Edizioni).

Con l’autore dialogherà l’editore Dario Bellini di Gilgamesh Edizioni.

Il libro è una raccolta inedita di aforismi, scritti dall’autore, che trattano varie e molteplici tematiche, che non seguono forzatamente un filo logico o temporale ma che nonostante questo permettono al lettore di ragionare sul senso profondo di molte annose questioni (oltre a quelle più divertenti e leggere) trattate con la semplicità e la schiettezza proprie dell’aforisma.

È l’autore stesso con le sue dichiarazioni a rivelare il perché abbia voluto scrivere questo libro e il perché della sua passione: “L’interesse per la scrittura aforistica parte da molto lontano” – al quale aggiunge – “Credo di ricordare che già da preadolescente fossi attratto dai detti proverbiali, dalle pillole sapienziali che circolavano anonimamente nel dettato linguistico comune. Poi incontrai i grandi scrittori in generale, che disseminano ovunque frasi memorabili, quindi gli aforisti veri e propri. Tale eterogenea e annosa ricezione non mancò a un certo punto di indurmi a tentativi di produzione personale, anche se con spirito piuttosto goliardico”.

È dal 1983 che l’autore  raccoglie gli aforismi proposti in questa raccolta edita da Gilgamesh. Ma la ricerca e la produzione di aforismi non si ferma solo a quel periodo, continua, infatti, come sostenuto dall’autore: “Attraverso l’annotazione su quaderni, a margine di libri o foglietti volanti, di pensieri che affioravano improvvisi nella mente”.

All’interno del dialogo con l’autore è lui a spiegare cosa ne è stato di molti di questi appunti: “La maggior parte di quelle annotazioni estemporanee sono andate disperse, come sentenze di una sibilla distratta. Tuttavia, agli inizi degli anni Novanta ne ritrovai miracolosamente alcune, che costituirono un’esca per ricominciare a scriverne. Ciò che ho fatto fino ad ora, molto saltuariamente ma con maggior cura nella conservazione”.

Conclusa la raccolta e successivamente la selezione degli aforismi non restava che dare un titolo al lavoro di quegli anni, dando vita ad una scelta curiosa ed estremamente elegante per valore intrinseco: “La decisione diintitolare con un grecismo le scritture profane sta nel fatto che la nittalopìa è la facoltà di scrutare nella notte, di intravedere più che di vedere, magari di immaginare; e da sempre sono stato un nottambulo, dedito a vagare mentalmente per le strade deserte, a sentire l’influsso del buio, ad ascoltare in silenzio il silenzio. Un nittalope inquieto.”

fraccari.jpg

Claudio Fraccari, già docente di Storia dell’arte, attualmente insegna Lettere italiane e latine al Liceo “Belfiore” di Mantova. Saggista e conferenziere, si interessa di vari ambiti disciplinari che vanno dalla letteratura alla linguistica, dalle arti visive alle arti dello spettacolo. Collabora con diverse testate; in particolare, dal 1993 cura la critica cinematografica per il quotidiano “La Voce di Mantova”, mentre dal 1996 fa parte del comitato di redazione della rivista culturale “Civiltà Mantovana”. Oltre a numerosi articoli e saggi su giornali, riviste e in opere collettanee, ha pubblicato in volume autonomo: Appuntamenti al buio. Cento film dell’anno duemila(Mantova, Tre Lune, 2001); Cortesie per gli ospiti. Itinerario di lettura tra l’antico e il moderno (Mantova, Le Reggie dei Gonzaga, 2013), Vulpes in fabula. La fortuna millenaria del modello esopico (Modena, Il Bulino, 2014).

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.