MANTOVA – SEGNI VERSO LA TERZA GIORNATA, SI PREPARA AD ACCOGLIERE LE SCOLARESCHE

La prima domenica del Festival ha visto diversi eventi tutto esaurito: da I colori dell’acqua a Mon Monde a toi, e poi anche Racconto alla Rovescia della Compagnia Momom con un bravissimo Claudio Milani che ha entusiasmato e reso partecipi gli spettatori. In fondo cos’è un conto alla rovescia se non la fine di un’attesa?

Ed è questo che fa riscoprire, l’importanza dell’attesa, di quel tempo che scorre tra un desiderio e la sua realizzazione. La vita è piena di cose da aspettare e insieme ad Arturo il protagonista ci sono 6 doni da scartare. La nascita, la scelta, l’incontro con l’altro o la meraviglia come quella che coglie gli spettatori quando la luce all’improvviso si spegne e spuntano tante lucciole. Uno spettacolo per piccoli, ma che ogni adulto dovrebbe vedere.

Tutto esaurito anche per il percorso con laboratorio Lupo Nero e Aquila Bianca con il quale per la prima volta Palazzo D’Arco apre le sue sale in occasione di SEGNI 2018. Tantissimi i bambini tra i 4 e i 6 anni che hanno sperimentato con la redazione di Topolino l’arte del fumetto nel laboratorio Un’aquila a fumetti così come diverte l’attività con Radio Bruno – A scuola di radio – dove cimentarsi nella conduzione radiofonica. Domani inizia la settimana e protagoniste sono le scuole che raggiungono Mantova per il Festival.

SEGNI 1.jpg

Per soddisfare le richieste delle scuole dell’infanzia di Casalmoro, Montanara e Luzzara che non avevano trovato posto sugli spettacoli in programma, gli organizzatori sono riusciti ad aggiungere un evento in last minute, una proposta a cavallo fra il laboratorio e lo spettacolo sul tema naturale che caratterizza quest’anno il Festival: Storie di foresta di e con Serena Cazzola che si tiene presso la Sala Piermarini del Teatro Bibiena (martedì ore 9:30 e mercoledì ore 9:30).

SEGNI 3.jpg

Le scuole secondarie invece hanno scelto L’universo è un materasso e Opera Omnia 3 di Teatro Magro che è possibile vedere anche in serale alle 21:00 presso la Casa del Mantegna, una performance itinerante per interrogarsi su cosa è l’arte oggi. Prima replica invece per gli spettacoli Berberio (ore 14:30) della compagnia belga Zonzo e Caino e Abele della Compagnia Rodisio: entrambi sorprendenti per l’uso delle immagini e di linguaggi alternativi – come quello della break dance – in grado di attualizzare storie antiche o di rendere il genere dell’opera accessibile a tutti.

SEGNI 2.jpg

La settimana di SEGNI è una settimana speciale da dedicare al teatro anche nei giorni infrasettimanali. Nel pomeriggio di domani, in un orario comodo (18:30), post sonnellino o compiti, c’è per i bimbi fra i 3 e 5 anni Baby Terra degli Eccentrici Dadarò al Centro Culturale Ferrini e presso lo Spazio Gradaro, Terrarium della Fondazione Teatro Ragazzi Giovani Onlus per i bambini da 6 anni in su.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.