MANTOVA – GIORNATA DELLA DONNA: ALL’ARISTON VA IN SCENA IL SOCIAL MUSICAL “AGORÀ”

Domani, Venerdì 8 marzo alle 20.30 al Teatro Ariston di Mantova andrà in scena “Agorà”, il social musical promosso dal Comune di Mantova per valorizzare l’8 marzo, Giornata Internazionale della Donna, a cura del circolo Arci Musica Insieme.

agorà social musical teatro ariston.jpg

Agorà è un progetto socio-culturale promosso dal Circolo Arci Musica Insieme di educazione e sensibilizzazione alla parità di genere, di lotta alla violenza sulle donne e alla violenza virtuale (cyber-bullismo, haters) attraverso l’espressione artistica e l’utilizzo creativo delle nuove tecnologie.

A tale proposito, sono stati condotti laboratori artistici tematici nelle scuole superiori di Mantova: Itas Mantegna, Bonomi Mazzolari, Istituto d’Arte e Conservatorio “Lucio Campiani” hanno contribuito alla creazione di uno spettacolo inedito e innovativo (social musical) dedicato a due importanti figure storiche femminili.

Lo spettacolo inizierà con queste parole: “Benvenuti a teatro, invitiamo il gentile pubblico ad accomodarsi in poltrona e… accendere i telefoni cellulari! Agorà, il social musical” porta in scena passioni universali e tematiche di strettissima attualità con una formula teatrale innovativa. Una speciale piattaforma social permette al pubblico di conoscere ed interagire coi personaggi prima, dopo e durante lo spettacolo, ricevere informazioni utili alla comprensione della storia, spiare conversazioni nascoste, vedere foto del palco da una prospettiva privilegiata ed i video in diretta dei protagonisti che si muovono in ambienti di scena non visibili dalla platea.

La trama: Agli albori di un Impero Romano d’Oriente cyberpunk, le vite di due donne d’eccezione si incrociano in una spirale drammatica che rivoluzionerà il pensiero umano: Ipàzia, filosofa e scienziata alessandrina, martire della libertà d’espressione e vittima illustre di femminicidio; e Pulcheria, imperatrice bizantina venerata come santa dalla Chiesa Cattolica e da quella Ortodossa, che concorse al riconoscimento teologico della figura femminile della Madonna. Sono le protagoniste di un viaggio nel passato in cui il futuro è arrivato prima per aiutarci a mettere a fuoco un presente troppo vicino ai nostri occhi. Una realtà meta-teatrale in cui il corpo degli attori è dato in pasto ad un pubblico voyeurista come metafora delle nuove piazze virtuali, specchio di una società che, a distanza di 1600 anni, costringe ancora la donna a rinunciare ad una parte di sé per ottenere un posto nel mondo.

Gli organizzatori consigliano di recarsi in teatro almeno 15 minuti prima dello spettacolo per effettuare le operazioni di preparazione del proprio telefono supportati dai tecnici. Lo spettacolo è accessibile anche a chi non possiede o non desidera utilizzare il proprio smartphone.

agorà il social musical

 

Ulteriori informazioni si possono richiedere alla email: teatrodasportomantova@gmail.com, oppure al numero telefonico 345 3373182.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.