MARMIROLO – ENNESIMO SFRUTTAMENTO DELLA MANODOPERA. I CARABINIERI ESEGUONO 4 ARRESTI

Ancora arresti e denunce compiuti dalle forze dell’ordine contro la piaga dello sfruttamento di clandestini e del lavoro nero. Nonostante i controlli siano oramai divenuti quasi quotidiani, ancora si registrano abusi e irregolarità.

CARABINIERI - LAVORO NERO.JPG

Nel primo pomeriggio di ieri, 10 ottobre 2019, l’ennesimo caso. Il blitz dei Carabinieri è scattato contemporaneamente in due distinti laboratori tessili, a Marmirolo.

I militari della Stazione di Marmirolo, insieme ai colleghi delle Stazioni di Goffredo e di Goito, in collaborazione con il Nucleo CC Ispettorato del Lavoro,  gli Ispettori degli Uffici Inail e Inps e la Polizia Locale di Marmirolo, ambito Task Force coordinata dalla Compagnia Carabinieri di Castiglione delle Stiviere, hanno fatto irruzione in due laboratori tessili, entrambi a Marmirolo, dove hanno trovato al lavoro, complessivamente, 13 operai, tutti di nazionalità cinese.

Al controllo dei documenti, è risultato che 3 di questi erano irregolari e quindi, nessun permesso di soggiorno e naturalmente nessun contratto di lavoro il che vuol dire paga misera e condizioni di sfruttamento, oltre a regole inflessibili del datore di lavoro che impongono agli operai il divieto di allontanarsi dal laboratorio per non rischiare di essere scoperti e conseguentemente espulsi.

Nel primo laboratorio, gestito da X.B., 33enne, e dal socio Z.Y. 46enne, entrambi cinesi, i militari hanno trovato 7 operai al lavoro, di cui uno clandestino e quindi senza contratto di lavoro. Anche nel secondo laboratorio, gestito X.G., 49enne e dal socio W.M. 57enne, entrambi cinesi, i militari hanno trovato altri n. 6 operai a lavoro, di cui 2 clandestini.

CARABINIERI LAVORO NERO MARMIROLO 1.jpg

Al termine della verifica, i carabinieri hanno pertanto proceduto all’arresto in flagranza di reato di quattro cinesi, rispettivamente titolari e socio di entrambi i laboratori, ritenuti responsabili, in concorso, di favoreggiamento e sfruttamento della manodopera clandestina, caporalato e lavoro nero.

Entrambi i laboratori, compresi i macchinari e i capi di vestiario, per un valore complessivo di circa 250mila euro, sono stati sottoposti a sequestro.  Conseguiranno inoltre le sanzioni amministrative per le violazioni accertate, non ancora quantificate.

Per i quattro arrestati la Procura della Repubblica di Mantova ha disposto la custodia domiciliare in attesa del rito direttissimo che si terra questa mattina innanzi al Tribunale di Mantova.

(ph CC)

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.