GASTEL GOFFREDO – ULTIMI APPUNTAMENTI DEL 2019 AL MAST – MUSEO DELLA CITTÀ

caffè irlandese.jpg

Lunedì 23 dicembre dalle ore 18.00, in occasione di Shopping Day, la manifestazione che animerà il centro storico di Castel Goffredo in occasione delle feste natalizie, MAST aprirà le porte a tutti coloro che vorranno gustare un buonCaffè Irlandese”.

Domenica 29 dicembre dalle 14.30 alle 19 sarà invece la volta dell’ultima uscita, organizzata dal gruppo San Luca, alla scoperta dei “luoghi bazzaniani”.

In compagnia di una guida si visiterà la mostra “Giuseppe Bazzani (1690-1769) Disegni e Collezioni” presso il museo Diocesano di Mantova, nonché le opere del Bazzani custodite presso il Palazzo Vescovile e le parrocchiali di Goito e Guidizzolo. Il costo dell’intero pomeriggio è di 25 euro comprensivi di trasporto, biglietto d’ingresso e visita guidata al Museo Diocesano e agli altri luoghi. Partenza da Castel Goffredo e viaggio in auto (iscrizioni presso museo MAST da mercoledì a domenica 10.12.30 e 15-18, tel. 0376 771006; info@grupposanlucaonlus.it)

GIUSEPPE BAZZANI CASTEL GOFFREDORimane aperta la mostra “Le Tre Età di Giuseppe Bazzani”, che il MAST dedica al pittore mantovano fino al 6 gennaio (visitabile in orario di apertura del Museo, con il biglietto d’ingresso).

Ricordiamo che ogni domenica di dicembre si potrà visitare il MAST in compagnia delle nostre guide alle 11, alle 15.30 e alle 17. Il costo è di € 3 oltre il biglietto di ingresso al museo. MAST rimarrà chiuso solamente il 25 dicembre e il 1° gennaio.

Prosegue l’iniziativa “Tutti mecenati!”. Con soli 10 euro sarà possibile adottare un quadratino dell’opera “Sant’Agostino che sconfigge gli eretici”, olio su tela XVI secolo, e permetterne il restauro. Il grande dipinto di cm 200 x 123, di proprietà della Parrocchia di Sant’Erasmo in Castel Goffredo, appartiene alle collezioni del MAST Castel Goffredo – Museo della città dove è inserito nella sezione “LA RIFORMA PROTESTANTE – Fermenti e contaminazioni”.

La tela è una delle pochissime opere che permettono di illustrare questo importante, complesso e quasi sconosciuto capitolo della storia di Castel Goffredo e dell’Alto Mantovano. Il restauro del dipinto permetterà una più chiara lettura dell’opera consentendo di definirne meglio l’epoca e l’ambito culturale ed artistico nei quali operava il suo autore.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.