MANTOVA, TEATRO SOCIALE – ASSOCIAZIONE VALENTINA BARSONI porta in scena TANTO VALE RIDERE

Tanto Vale ridere Locandina

Il titolo è tutto un programma: “Tanto Vale ridere”, e a volte, aggiungiamo noi, si deve, dal momento che solo chi sa sorridere sulla propria condizione può davvero dire di aver accettato se stesso e la propria storia. Ancora oggi, molti giudicano inaccettabile che il tema della disabilità venga trattato in modo ironico. Dietro a questo atteggiamento spesso si nasconde un antico pregiudizio in base al quale comicità è sinonimo di derisione, e perciò guardare l’handicap con la lente dell’ironia significherebbe denigrarlo.

Al contrario invece, proprio grazie alla forza della leggerezza e al fatto di puntare dritto al cervello senza passare per il cuore, la comicità può comunicare l’idea della disabilità in modo più incisivo, soprattutto nello spettatore non coinvolto personalmente su questioni così delicate e a volte drammatiche. Ridere fa bene al corpo e allo spirito. Un semplice sorriso può trasformare realmente la nostra giornata e quella di chi è vicino a noi e ci vede sorridere. Un sorriso è un vero e proprio tocca sana per rendere la vita più allegra e, soprattutto, è gratis. Un sorriso è il regalo più grande che possiamo fare a noi stessi e agli altri.

Lo spettacolo è organizzato dall’Associazione “Diversamente Eventi”, con la collaborazione artistica dell’attore Claudio Soldà e la regia di Federica Morselli.

Partecipano alla serata lo Studio danza “La Fenice” di Mantova, il clown performer Pass Pass, l’Associazione di Promozione Sociale AltrArte di Correggio (RE) specializzata in laboratori permanenti di danza e teatro dedicati ai diversamente abili, l’Associazione Andes H con alcune ballerine della scuola Arte e Movimento di Marmirolo, Sara Artoni ginnasta di Cerchio Aereo e un gruppo musicale di Milano composto da musicisti con disabilità.

Ospite della serata David Anzalone in arte Zanza, handicappato e carogna con il suo dissacrante umorismo è il primo vero comico disabile italiano, oltre ad essere un bravissimo attore. Nel 2005 ha realizzato Targato H, uno spettacolo esilarante, che distrugge molti luoghi comuni sull’handicap. Zanza ha dimostrato che ridere sulla disabilità si può con il giusto piglio dissacratorio e soprattutto se a farlo è chi la disabilità la vive in prima persona e si offre al pubblico come materiale comico con cui ridere con la giusta dose di rabbia. «La normalità non esiste e esiste solo una moltitudine di diversità», osserva David.

L’evento è patrocinato dal Comune di Mantova, dalla Provincia di Mantova e dall’Azienda Ospedaliera “C. Poma” e con il sostegno dell’Associazione Culturale Arte dell’Assurdo e dell’Associazione Gruppo Famiglie Dravet Onlus.

BIGLIETTI: PLATEA E PALCHI 23,50€ + PREVENDITA 1,50€
LOGGIA 18,50€ + PREVENDITA 1,50€
LOGGIONE 13,50€ + PREVENDITA 1,50€

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.