FRANCO MUSSIDA presenta il suo ultimo libro “IL PIANETA DELLA MUSICA” alla BIBLIOTECA SORMANI di MILANO

Mussida - Il pianeta della Musica cover_b

Martedì 4 febbraio alle ore 18.00 FRANCO MUSSIDA, Direttore e fondatore dal 1984 del CPM Music Institute, presenterà alla Biblioteca Sormani di MILANO (Sala del Grechetto – Via Francesco Sforza, 7) il suo ultimo libro “Il Pianeta della Musica”, edito da Salani.

Dialogherà con l’autore il Consigliere Comunale Rosario Pantaleo. Ingresso libero.

«Dialogare con gli ascoltatori sulla cosa che più interessa della Musica: farsi emozionare. La presentazione del libro sarà l’occasione per incontrare gli amici della “Generazione Meraviglia” che mi hanno accompagnato, e mi accompagneranno nei prossimi passi da fare insieme» dichiara Franco Mussida.

Il libro di Franco Mussida si propone una nuova pacifica rivoluzione che può partire dalla Musica. Un libro dedicato agli ascoltatori di ogni genere musicale scritto da uno dei figli nobili della generazione degli anni ’70, conosciuto come artista e sperimentatore. Un testo intenso che spiega il rapporto tra Musica ed emozioni, come mai una stessa Musica è amata da alcuni e detestata da altri. Propone un modo diverso di ascoltarla e motiva le ragioni dell’attuale crisi tra generazioni, la rilancia come “sistema operativo” per la comunicazione affettiva, un sistema tanto potente da promuovere una nuova forma di ecologia sociale: l’Ecologia dei sentimenti. Perché la Musica non è una magia a caso: è un mezzo universale per la comunicazione degli affetti.

Franco Mussida_ph Agostino Osio (1)_b

FRANCO MUSSIDA nasce a Milano nel 1947. È un musicista compositore; un artista ricercatore sui temi del rapporto tra Musica ed emozioni. Sull’argomento ha scritto diversi libri, tra cui “Il Pianeta della Musica” (Salani 2019). E’ stato membro fondatore della Premiata Forneria Marconi, firmando molti dei loro più grandi successi tra cui Impressioni di Settembre. È fondatore e Presidente del CPM Music Institute di Milano, un modello formativo nel nostro Paese riconosciuto dal MIUR. Ha ideato e realizzato progetti che affrontano la Musica in chiave umanistica. Tra questi “CO2”, un progetto che ha visto impegnate anche Università e SIAE. Una rete nazionale di audioteche, divise per stati d’animo, contenenti Musica strumentale, che dialogano con detenuti di ogni nazionalità, offrendo un tempo emotivo ricco e ritemprante. E il progetto “Swimmer” per il Carcere minorile Beccaria. Entrambi i progetti propongono un metodo per l’ascolto emotivo consapevole della Musica. L’impegno più recente, oltre al lavoro di musicista, è mostrare le forze del codice musicale in ambito artistico contemporaneo attraverso mostre, installazioni e opere visive.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.