CASA SIAE: A SANREMO L’UFFICIO SIAE ITALIA MUSIC EXPORT PER SUPPORTARE L’INTERNAZIONALIZZAZIONE DEGLI ARTISTI

Casa SiaeUltimo giorno di Festival e ultimo giorno anche per Casa SIAE, la casa che anche quest’anno per Sanremo 70 ha accolto Autori, Editori e pubblico intorno al motore che muove la città nella settimana più ricca dell’anno: la Musica. Dal centro della Città dei Fiori, siamo stati sempre accanto all’entusiasmo che ha catalizzato anche il palco allestito in piazza Colombo per alcuni degli ospiti del Festival.

Da Casa SIAE è partito anche l’appello al Governo rivolto dall’industria musica riunita a Sanremo, affinché l’Italia recepisca al più presto la nuova Direttiva sul Copyright, strumento essenziale per garantire un migliore e più equilibrato accesso ai contenuti digitali, garantendo un’adeguata remunerazione e una maggiore responsabilità per le piattaforme, superando il cosiddetto Value gap e proiettando definitivamente il settore nell’era dello streaming. Negli Stati Generali dell’industria musicale, si sono incontrati i rappresentanti di AFI – Associazione Fonografici Italiani, ANEM – Associazione Nazionale Editori Musicali, CCI – Confindustria Cultura, FEM – Federazione Editori Musicali, FIMI – Federazione Industria Musicale Italiana, PMI – Produttori Musicali Indipendenti e SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori per illustrare le ragioni per cui il futuro della filiera creativa italiana è strettamente legato al recepimento della Direttiva Europea sul copyright. Le principali associazioni dell’industria musicale italiana hanno sottoscritto l’appello consegnato ai rappresentanti delle istituzioni durante gli Stati Generali dell’industria musicale a Sanremo.

 

Gaetano Blandini Direttore Generale di SIAE.jpg

La direttiva Copyright va a sanare il fatto che le grandi piattaforme ottengono proventi dai contenuti senza riconoscere nulla agli autori degli stessi. Con il recepimento delle nuove norme anche in Italia i giganti del web dovranno dare qualcosa alla filiera. Non dimentichiamo che l’industria culturale è la terza nel nostro Paese e fa lavorare un milione e mezzo di persone. Quando abbiamo iniziato la nostra battaglia in Europa, abbiamo pensato prima di tutto a tutelare la dignità del lavoro dei nostri autori, da cui dipende la conservazione e la ricchezza del nostro patrimonio artistico e creativo. Noi siamo aperti al dialogo, in ogni sede e su ogni tavolo, ma su un punto siamo irremovibili: vogliamo equità e giustizia. Pretendiamo di far valere, per tutti gli autori e i creativi, il principio sacrosanto alla base della Costituzione della Repubblica Italiana, che fonda sul lavoro il nostro essere cittadini di una democrazia”, ha affermato il Direttore Generale di SIAE, Gaetano Blandini.

Domani 8 FEBBRAIO, la programmazione di Casa SIAE parte alle ore 15.00 con il quarto e ultimo Caffè d’AutoreEddy Anselmi, storico della musica leggera e del costume, giornalista, social media manager e autore tv, ci racconterà  I primi memorabili 70 anni del festival di Sanremo, con passione e un occhio speciale alle storie e alle curiosità del Festival e ai cambiamenti musicali e di costume che accompagnano la macchina festivaliera più amata dagli italiani.

Alle 18,00 la responsabile dell’ufficio SIAE Italia Music Export, Nur Al Habash, illustrerà i successi della musica italiana all’estero. Verrà presentato infatti uno speciale report interattivo che riassume i primi due anni di attività dell’ufficio SIAE creato per supportare l’internazionalizzazione della nostra musica: all’interno tutti i numeri sulle attività svolte, gli investimenti, il numero dei musicisti e delle aziende supportate, infine i risultati raggiunti e i nuovi progetti per il futuro. Si presenteranno anche i nuovi bandi e i finanziamenti 2020 per sostenere i concerti dei musicisti italiani al di fuori dei confini nazionali e i viaggi di lavoro all’estero degli operatori dell’industria musicale italiana.

Gli incontri e gli interventi saranno in diretta streaming sulla pagina Facebook di SIAE.

Casa SIAE è anche la cabina di regia di Radio Rai: da qui ogni giorno racconteranno il Festival Rai Radio 1, Rai Radio Tutta Italiana, Rai Radio Live Rai Radio Techetè.

 Per la prima volta, quest’anno anche Rai Radio Techetè sarà presente a Sanremo per raccontare e far rivivere il passato glorioso del Festival, attraverso i documenti sonori originali e le interviste con i giornalisti storici della Sala Stampa. Tre sono gli eventi previsti a Casa SIAE alle ore 14 di oggi, domani e dopodomani, con Andrea Borgnino ed Elisabetta Malantrucco, dedicati alla storia di Sanremo alla radio con ospiti e audio d’archivio.

Il programma artistico degli eventi di Casa SIAE è coordinato da Massimo Bonelli di iCompany.

Anche quest’anno FIPE, la Federazione Italiana dei Pubblici Esercizi, curerà l’allestimento della zona bar di Casa SIAE, e sarà presente mettendo a disposizione del mondo della musica la propria competenza e professionalità per offrire pause piacevoli al pubblico e agli ospiti di Casa SIAE nei giorni del Festival.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.