ANDREA GAMBI, DIRETTORE GENERALE DI ROMAGNA ACQUE SCOMPARSO PER CORONAVIRUS. IL CORDOGLIO DEI SINDACI

unione comuni bassa romagnaBassa Romagna, 25 marzoI sindaci dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna si uniscono al cordoglio dei tanti che in queste ore piangono la scomparsa di Andrea Gambi, direttore generale di Romagna Acque, scomparso prematuramente all’età di 64 anni nella notte tra martedì 24 e mercoledì 25 marzo. Lottava contro il coronavirus all’ospedale “Santa Maria delle Croci” di Ravenna, dove era stato ricoverato il 14 marzo.

Ravennate, laureato in ingegneria civile nel 1981 all’Università di Bologna, da quasi trent’anni Gambi svolgeva attività manageriale, a partire dal settore delle costruzioni: entrato in Acmar nel 1983, vi rimase fino al dicembre 2005 come direttore esecutivo, prima di passare all’Iter, dove fu direttore generale fino a metà 2012. Nel luglio 2012 entrò a Romagna Acque, di cui è stato amministratore delegato fino al dicembre 2017; dal gennaio 2018, vincendo un concorso pubblico della stessa Romagna Acque, ne è diventato direttore generale, uscendo dunque dal Cda di cui era stato membro fin dal suo ingresso in azienda.

Lascia la moglie, insegnante in un liceo ravennate, e il figlio, giovane ingegnere.

A nome di tutti gli amministratori e dipendenti dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, ci stringiamo al dolore della famiglia, degli amici e dei colleghi del direttore Gambi – ha dichiarato Eleonora Proni, presidente dell’Unione -. Piangiamo la scomparsa di uno stimato professionista, che ha contribuito in seno a Romagna Acque a rendere la nostra terra un modello di sviluppo anche per altri territori”.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.