LE FORTI PIOGGE CREANO DISAGI E DANNI AL SETTORE AGRICOLO

MANTOVA – Le abbondanti piogge cadute nei giorni scorsi sulla nostra provincia hanno causato notevoli disagi al settore agricolo, con allagamenti nei terreni coltivati e impossibilità di andare ad operare negli stessi, a causa di fango e acqua.

«Negli ultimi 4-5 giorni – spiega l’ufficio tecnico di Confagricoltura Mantova – sono caduti quasi 170 millimetri di acqua, pari al 21% del totale delle precipitazioni di questa annata 2020. Questo dato fa capire benissimo l’eccezionalità della cosa».

Partita subito la conta dei danni, come detto. I problemi principali li hanno avuti i terreni sui quali sono state da poco seminate le prime colture autunno-vernine, vale a dire frumento e orzo: «Sono colture già in atto, le prime seminate nella nuova annata agricola. La grande quantità di pioggia potrebbe portare a perdita di alcuni germogli e a un calo dunque delle rese, nel momento della raccolta. Senza contare che nei campi, allagati, è impossibile entrare con le macchine agricole».

Criticità anche per quanto riguarda i prati, con le coltivazioni di erba medica messe a dura prova dall’acqua, che potrebbe aver causato asfissia e conseguenti ritardi vegetativi. Un lato positivo è rappresentato però dagli invasi: «Sia quelli artificiali che quelli naturali, come il Lago di Garda, stanno accumulando acqua preziosa, e altra ne arriverà grazie alle abbondanti nevicate che si sono verificate sull’arco alpino. Risorse preziose in vista della campagna irrigua del prossimo anno».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.