PROGETTO NOCCIOLO 100% MADE IN ITALY: UNA NUOVA OPPORTUNITÀ ECONOMICA PER GLI ASSOCIATI DI CONFAGRICOLTURA MANTOVA


Creare una filiera 100% Made in Italy, tracciabile e di qualità, per la coltivazione del nocciolo.

Questo l’obiettivo del “Progetto Nocciolo” della Cooperativa Terremerse, che verrà presentato mercoledì 3 marzo, alle ore 10.30 in diretta Zoom, in esclusiva per gli associati di Confagricoltura Mantova. «Terremerse – spiega Alberto Cortesi, presidente di Confagricoltura Mantova – ha avviato una importante partnership con Ferrero, per la messa a dimora di 600 ettari di nocciolo nei prossimi cinque anni.

Come Confagricoltura Mantova siamo lieti di presentare ai nostri associati una nuova opportunità economica, che sbarca per la prima volta in provincia di Mantova e siamo certi possa interessare molti di loro». Il webinair sarà tenuto da Marco Casalini (presidente di Terremerse) e Marco Babini, responsabile del progetto.

Perché scegliere il nocciolo dunque? Per gli investimenti contenuti in primis: un impianto ha durata media di 30 anni e le spese maggiori sono dovute all’acquisto delle piante e alla realizzazione di un eventuale impianto d’irrigazione. In secondo luogo per i bassi costi colturali, dal momento che gli interventi agronomici sul nocciolo sono davvero ridotti. E poi per l’elevata richiesta del mercato, dal momento che l’Italia è il secondo produttore mondiale di nocciole (dopo la Turchia) e nel quadriennio 2014-2017 la domanda è cresciuta del 30%. Terremerse garantirebbe tra l’altro completa assistenza e il ritiro totale delle produzioni.

Per ricevere il link di partecipazione al webinair sul “Progetto Nocciolo” è sufficiente inviare una mail a mantova@confagricoltura.it o telefonare allo 0376/330711.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.