REGGIOLO PREPARA IL SECONDO STRALCIO DI INTERVENTI PER LA RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA MARTIRI

Reggiolo prepara il progetto esecutivo del secondo stralcio di interventi per la riqualificazione di Piazza Martiri. Un intervento dal valore di un milione di euro, reso possibile grazie ai fondi messi a disposizione dalla Regione Emilia-Romagna e destinati alla rivitalizzazione dei centri storici. I lavori interesseranno l’area della piazza davanti al teatro con il rifacimento della pavimentazione pedonale, garantendo così spazi più idonei e senza barriere architettoniche.

L’intervento permetterà anche di riqualificare tutta l’area verde con la piantumazione di nuovi alberi. Davanti al teatro, poi, sarà realizzata una grande fontana per valorizzare la facciata dell’edificio, che presto, con la conclusione dei lavori di restauro, tornerà in parte ad essere riutilizzato.

Tutti i percorsi pedonali saranno realizzati con pietra naturale gialla Santafiora, in continuità con quelli esistenti, mentre la restante area carrabile sarà rifatta sostituendo il manto di asfalto con pietra ricostruita. Sulla piazza sarà rivista anche l’illuminazione pubblica, che penserà a valorizzare i monumenti e i portici. Un ulteriore intervento riguarderà la rotatoria di via Marconi, dove saranno migliorati gli attraversamenti pedonali.

Nella progettazione è stata anche considerata la vicinanza del Centro disabili Sartoretti, collocato a soli 30 metri dalla piazza. Per la realizzazione dell’intervento è stato aperto un percorso partecipativo che ha coinvolto le famiglie del Centro Sartoretti in modo da mettere a disposizione dei ragazzi un grande spazio verde senza ostacoli e barriere architettoniche e dotato di percorsi e aree pedonali idonee per le attività guidate dagli operatori del centro. Saranno proprio gli operatori del centro e i famigliari a fare proposte che saranno valutate insieme all’architetto Valentina Castelli, progettista incaricato dal Comune.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.