ASOLA – REPRESSIONE DEI REATI CONTRO IL PATRIMONIO: I CARABINIERI DENUNCIANO 4 PERSONE

Settimana particolarmente impegnativa per i Carabinieri della Stazione di Asola che hanno concluso tre diverse attività investigative denunciando alla competente Procura della Repubblica quattro persone, ritenute responsabili a vario titolo dei reati di Truffa in Concorso, Sostituzione di Persona e Danneggiamento.

Nel primo caso, un giovane ragazzo Asolano, nei primi giorni autunnali, inseriva sul sito di vendite SUBITO.IT l’annuncio relativo alla vendita di un casco da motocicletta. Il prezzo pattuito era di euro 700. Il truffatore, fingendosi interessato all’acquisto, effettuava diverse chiamate al ragazzo, chiedendogli informazioni e carpendo la sua fiducia. Accordatisi sul prezzo, veniva chiesto al giovane di recarsi presso un ATM postale e di effettuare le manovre richieste dall’interlocutore per ricevere il bonifico. Ed ecco scattata la truffa. Il giovane, inesperto, è caduto nel tranello, ricaricando a sua volta la Post Pay del truffatore, pagando quindi lui, col conto della mamma, 700 euro. Le indagini effettuate han permesso di risalire all’utilizzatore del conto e del cellulare, denunciandoli entrambi per il reato di truffa in concorso.

Nel secondo caso, una anziana donna, vedova dal 2016, si rivolgeva a quella Stazione Carabinieri lamentando di aver ricevuto sette bollette relative a fatturazione di energia elettrica per uso domestico allacciate a abitazioni esistenti in comuni della Provincia di Torino ove la stessa non era mai stata e ove non possedeva alcun immobile. Inoltre le forniture, intestate al defunto marito, erano state attivate in epoca successiva alla sua morte. Le indagini svolte dalla locale caserma han permesso di risalire all’attivatore di quelle forniture che, sfruttando quella identità, avuta in modo fittizio, voleva eludere il pagamento delle fatture energetiche, arrecando un danno di oltre 800 euro alla anziana donna.

Nel terzo caso, l’arma locale, ha individuato l’autore di due diversi danneggiamenti arrecati all’ATM di una nota banca del territorio Asolano. Nel particolare quel direttore, nel mese di settembre e ottobre si rivolgeva alla locale caserma in quanto, in due date ben precise, a cavallo del weekend, veniva danneggiato quell’ATM con l’inserimento di una graffetta all’interno del lettore carte, rendendo un disservizio per il weekend e arrecando un danno all’istituto. Le indagini svolte dai Carabinieri han permesso di risalire all’identità del soggetto che, tra l’altro, molto conosciuto, in passato ha avuto anche da ridire con quella banca.

I carabinieri della Compagnia di Castiglione delle Stiviere invitano la cittadinanza a rivolgersi in qualsiasi momento alle Stazioni Carabinieri del territorio, invitandole a esporre i problemi.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.