LUCA VITONE, ROMANISTAN – Photology Online Gallery: 1 dicembre 2021 – 28 febbraio 2022

Romanistan di Luca Vitone, progetto promosso dal Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato e vincitore dell’Italian Council 2018, torna in modalità virtuale dal 1° dicembre 2021 al 28 febbraio 2022 su Photology Online Gallery (https://www.photology.com/lucavitone/).

Opere inedite realizzate dall’artista in occasione della mostra riportano l’attenzione su un progetto artistico maturato a lungo e sbocciato in un film, una mostra e un libro (Humboldt Books) dopo aver compiuto nel 2019 un viaggio durato 43 giorni ripercorrendo a ritroso il cammino di rom e sinti dall’India all’Italia . Un viaggio che ha visto Luca Vitone partire da Bologna insieme a una troupe di sette persone e arrivare a Chandigarh, in India, attraversando Slovenia, Croazia, Serbia, Romania, Bulgaria, Macedonia, Grecia, Turchia, Georgia, Armenia, Iran e Pakistan.

L’artista genovese, nato nel 1964, è da sempre affascinato e interessato alla cultura Rom, popolo apòlide senza confini,  ieri perseguitato e sterminato dai nazifascisti esattamente come gli ebrei, oggi capro espiatorio per molti paesi e governi, nonché temuto dalla maggior parte della gente che associa erroneamente e dispregiativamente la parola “Rom” (che in romanes, la lingua dei Rom, significa “uomo”) alla  parola “zingaro”, e quindi alla paura, ai campi nomadi recintati, alle baracche e alle roulotte fatiscenti. Tutto questo perché l’ interconnessione culturale fa paura e spesso si è titubanti a conoscere un popolo come quello Rom dalla millenaria cultura, purtroppo non scritta ma solo trasmessa di voce in voce e che lascia dietro di sé, a sola testimonianza del proprio patrimonio di conoscenze, la musica e la lingua.

Con il progetto Romanistan, il cui titolo deriva dalle parole di Manush Romanov , rappresentante Rom proveniente dalla Bulgaria, il quale immaginò la possibilità di dar vita ad un paese Rom, Luca Vitone cerca di restituire la veridicità di un’esperienza vissuta a 25 anni di distanza dalla mostra “Der unbestimmte Ort” del 1994 a Colonia e a 42 da un viaggio che fece coi genitori in macchina da Genova sino in Iran attraversando alcune dei paesi che due anni fa ha poi percorso per arrivare a Chandigarh.

Romanistan è per Luca Vitone tante cose messe insieme, un percorso di ascolto  e riflessione, la voce di tanti momenti dell’esistere, ricordi, relazioni, incontri testimoniali, paesaggi, volti: un viaggio all’interno stesso della sua arte ma anche indagine culturale, antropologica, politica e sociale, qualcosa che ha preso forma poco alla volta, giorno dopo giorno, esperienza dopo esperienza, che nasce dalla volontà di raccontare un popolo che si identifica nel suo viaggiare migratorio e che non ha mai scritto la propria storia, affidandosi solamente alle generazioni che una dopo l’altra raccolgono e trasmettono.

Romanistan è un progetto multiforme sotto forma di fotografie, cartografie, immagini, racconti e suoni dal forte connotato diaristico che vuole porsi come ponte narrativo per andare oltre gli stereotipi e le mononarrazioni, che ha portato Luca Vitone a incontrare politici, accademici, intellettuali e uomini di cultura di un popolo che in Europa conta circa 7 milioni di persone. Un’avventura che non sarebbe stata possibile senza le persone che lo hanno accompagnato, a partire da Santino Spinelli, musicista, compositore, saggista, poeta e professore universitario abruzzese, membro della International Romanì Union, riconosciuta nel 1979 dall’Onu, nonché Ambasciatore dell’Arte e della Cultura Romanì nel mondo.

Luca Vitone: “I paesaggi sono ciò che rimane a testimonianza del passaggio dei Rom visto che i loro antenati non hanno lasciato scritti o qualcosa di tangibile che ci possa raccontare della loro storia. Proprio per questo la stessa scelta della città di Bologna come punto di partenza del nostro viaggio non è stata casuale, visto che nella biblioteca universitaria è custodita una cronaca cittadina con il più antico documento che testimoni la presenza dei rom in Italia risalente al 1422. Ma Romanistan è stata anche l’occasione per riflettere su cosa significhi oggi intraprendere un viaggio. Penso che i moderni viaggiatori siano i migranti, che partono senza avere idea di quello che li aspetta, senza sicurezze o certezze”.

Il progetto Romanistan proposto da Photology Online Gallery presenta cinque sezioni:

  • Un’unica installazione composta da 43 immagini accompagnate da altrettante cartografie a segnare documentare il viaggio giorno dopo giorno;
  • 5 opere inedite che portano tutte lo stesso titolo, “Eppur si muove”, formate da mappe ritagliate e assemblate su carte colorate con al centro una piccola ruota rossa raggiata di carta o di plastica. Una scelta non casuale quella della ruota, visto che simboleggia il continuo migrare del popolo rom e che si trova al centro della loro bandiera a due strisce orizzontali che li identifica come popolo, la parte superiore azzurra e quella inferiore verde a rappresentare il cielo e la terra;
  • Un vaso in ceramica, smalti e lustri (36x31x7) con una ruota raggiata al suo centro che potrà essere visto in maniera tridimensionale e che è proposto in edizione limitata 12 + 2 esemplari;
  • 17 composizioni fotografiche inedite (opere singole oppure formate da due, tre, quattro e sei immagini) che raccontano alcuni dei momenti più importanti del viaggio compiuto nel 2019;
  • La proiezione del video Romanistan di 7 minuti in Full HD.

Il lungometraggio che da’ titolo al progetto sarà disponibile in streaming durante il periodo della mostra.
Per accedere alla visione del film contattare:  shows@photology.com

Il libro “Romanistan” edito da Humboldt Books potrà essere acquistato collegandosi direttamente al seguente indirizzo: https://www.humboldtbooks.com/it/book/romanistan

A dicembre il progetto Romanistan di Luca Vitone sarà protagonista anche di due appuntamenti promossi dall’Istituto Italiano di Cultura di São Paolo in Brasile:

– Sabato 4 dicembre alle ore 14.00 italiane (10.00 in Brasile) sul Canale Youtube del MAC USP (Museu de Arte Contemporanea da Universidade de São Paulo) la Direttrice del MAC USP Ana Magalhães presenta il film Romanistan tratto dall’omonimo progetto dialogando con Luca Vitone.

– Da lunedì 6 a sabato 11 dicembre , in occasione della XVII Giornata del Contemporaneo promossa da AMACI, l’Istituto Italiano di Cultura di São Paolo e il Museo di Arte Contemporanea di San Paolo presentano la proiezione in streaming del film Romanistan.

PHOTOLOGY ONLINE GALLERY: Nei suoi 30 anni di attività Photology ha organizzato più di 350 mostre in tutto il mondo, collaborando con artisti internazionali, archivi, fondazioni, gallerie, musei e università.

Dopo le esperienze di Milano (1992-2015), Cortina (1992-1995), Londra (1997-2000), Bologna (2000-2003), Parigi (2007), Noto (2013-on) e Garzón, Uruguay (2015-on), Photology ha deciso di implementare il concetto di galleria come spazio fisico con la creazione di una nuova realtà virtuale: Photology Online Gallery.

Dal 2020, infatti, tutte le mostre prodotte da Photology sono unicamente fruibili sul web, permettendo così a un pubblico sempre più ampio di ammirare e acquistare le diverse opere fotografiche.

La piattaforma 3D è disponibile con un sistema di navigazione semplice e intuitivo che permette agli utenti di muoversi all’interno di uno spazio virtuale ma allo stesso tempo del tutto realisticodove i lavori esposti possono essere ingranditi, guardati nei dettagli e visti da varie angolazioni.

I testi, i contributi video e gli apparati informativi sono inseriti nel contesto espositivo per una omogeneità di informazione. Nel caso di interesse per una visione live privata delle singole opere, vi è la possibilità di fissare appuntamenti specifici accordandosi direttamente con un team di specialisti nelle principali città italiane.

Didascalie immagini: (Le immagini pubblicate sono state fornite ad esclusivo utilizzo di questo articolo)

Luca Vitone, Romanistan (Appunti di viaggio) #5, 2019-2021, fotografia a colori, 50×60 cm

Luca VitoneRomanistan (Appunti di viaggio) #5, 2019-2021, fotografia a colori, 50×60 cm, © ROMANISTAN Luca Vitone / Courtesy Photology

Luca VitoneRomanistan, 2019, Video Full HD, 10′, © ROMANISTAN Luca Vitone / Courtesy Photology

Luca Vitone 2002-2018, Eppur si muove (Romanistan), nastro adesivo, vernice spray, ruota in plastica, 20,9×34,5 cm, © ROMANISTAN Luca Vitone / Courtesy Photology

Luca VitoneEppur si muove , Vaso in ceramica, smalti e lustri (36x31x7 cm) con una ruota raggiata al suo centro che potrà essere visto in maniera tridimensionale e che è proposto in edizione limitata 12 + 2 esemplari (foto di Aldo Castoldi), © ROMANISTAN Luca Vitone / Courtesy Photology

Luca Vitone 2002-2018, Eppur si muove (Romanistan), Nastro adesivo, vernice spray, ruota in carta, 48×97,9 cm

Luca Vitone, Romanistan (Appunti di viaggio) #6, 2019-2021, due fotografie a colori, 50×103 cm

Luca Vitone, Romanistan (Appunti di viaggio) #17, 2019-2021, sei fotografie a colori, 83×146 cm

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.