SMARTSCHOOLING: il primo (video)gioco di Fondazione Arnoldo POMODORO per le scuole secondarie di primo grado

Un’esperienza formativa interattiva che unisce studenti, studentesse e insegnanti, nella costruzione di un racconto personale e collettivo, un viaggio digitale e analogico alla scoperta di sé stessi e della propria memoria, liberamente ispirato alla biografia di Arnaldo Pomodoro: è SMARTSCHOOLING, la nuova proposta didattica di Fondazione Arnaldo Pomodoro, realizzata con il sostegno di Fondazione Cariplo, per le scuole secondarie di primo grado.

SMARTSCHOOLING nasce come risposta positiva alla pandemia, per riattivare la relazione con il mondo scolastico e ristabilire una connessione di senso con insegnanti e studenti all’interno dei loro spazi. Il progetto ha preso forma attraverso un percorso di co-progettazione che ha visto lavorare insieme oltre 30 professionisti tra insegnanti, operatori culturali e game designer.

co-progettazione con docenti

Una proposta utile alla Scuola perché progettata insieme alla Scuola, che ha permesso di mettere a fuoco insieme alla comunità scolastica i bisogni formativi e di costruire un’esperienza che risponde anche ai bisogni didattici degli insegnanti, sviluppando contenuti conformi a quelli previsti dai programmi ministeriali.

co-progettazione con docenti

I temi e le pratiche che costituiscono l’anima di SMARTSCHOOLING derivano dal pluriennale impegno della Fondazione sul fronte dell’innovazione didattica e della valorizzazione dell’Archivio di Arnaldo Pomodoro.

in classe con gli studenti

Nel corso della sua vita Arnaldo Pomodoro ha costruito un archivio che raccoglie fotografie, libri, lettere e tanti altri materiali relativi alla sua attività di artista: il suo archivio è la sua storia, è una forma di consapevolezza e di racconto di sé.

Ciascuno di noi costruisce quotidianamente, anche in modo inconsapevole, il proprio archivio, spesso attraverso i social media dove ogni giorno selezioniamo, narriamo e condividiamo le nostre esperienze, secondo dinamiche analoghe alle pratiche archivistiche tradizionali. Prendere consapevolezza del racconto che ciascuno fa di sé significa comprendere la propria storia, la propria identità e le proprie aspirazioni.

Lo scopo del progetto è quello di accompagnare studenti e studentesse insieme agli insegnanti, in un percorso di conoscenza e cura di sé e del gruppo classe in cui ciascuno è chiamato a mettere in gioco competenze personali, sociali e metodologiche fondamentali nei percorsi scolastici come nell’agire quotidiano.

Cuore dell’esperienza è il videogioco MISSIONE PIETRARUBBIA, un gioco collaborativo a squadre attraverso il quale si esplora l’archivio dell’artista. Il videogioco, basato su dinamiche di esplorazione e comunicazione proprie dell’escape game e ambientato in una galassia immaginaria e in un tempo lontano, porta la classe – dotata di mappe e carte di grande formato – a intraprendere sfide che richiedono l’uso di logica, intuizione, senso pratico e scambio di saperi.

Ogni giocatore è chiamato a misurarsi con le proprie abilità, nel rispetto di regole condivise, mettendo in gioco capacità di osservazione, ascolto e collaborazione: “vince la classe o non vince nessuno!

Il gioco è accompagnato da un diario di bordo che consiste in una serie di attività analogiche individuali e collettive per introdurre la classe alle pratiche archivistiche come forme di scoperta e costruzione di sé e della collettività.

SMARTSCHOOLING è pensato per ragazzi e ragazze delle scuole secondarie di primo grado e per i loro insegnanti. Il progetto è stato sperimentato in 15 classi tra prime, seconde e terze provenienti da 6 istituti diversi, tra Milano e Novara nel corso dell’anno scolastico 2021/22 ed è tutt’ora in corso per l’anno 2022/23.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.