CARNE SINTETICA, la posizione di CONFAGRICOLTURA MANTOVA: “Conosciamola, ma difendiamo l’agricoltura tradizionale”

Di seguito le parole del presidente di Confagricoltura Mantova, Alberto Cortesi, in risposta alle dichiarazioni erroneamente riportate pochi giorni fa, in occasione di un convegno sul tema andato in scena a Porto Mantovano.

«La nostra posizione sul tema della carne sintetica non è nuova ed è chiarissima, ed è di assoluta contrarietà all’omologazione di un prodotto di laboratorio alla vera carne, come più volte ribadito da Confagricoltura anche a livello nazionale. Dobbiamo però capire a che punto è la ricerca su questi prodotti e soprattutto dove siamo arrivati dal punto di vista normativo, dal momento che sarà proprio su normative e classificazione che dovremo intervenire e porre la massima attenzione».

«Il riassunto fatto – prosegue Cortesi – è stato completamente sbagliato. Le proteine sintetiche pongono seri interrogativi su tutta l’attività agricola, ma ribadisco quanto sia fondamentale conoscere cosa sta avvenendo al di fuori dei nostri ambiti e come si stia muovendo la ricerca, per studiare eventuali contromosse».

L’agricoltura convenzionale non deve temere questa ipotetica concorrenza: «In primis perché noi siamo detentori di un fattore, la qualità, che non potrà mai e poi mai essere ricreato in laboratorio. In secondo luogo perché un’ipotetica avanzata degli alimenti artificiali migliorerà la produzione di quelli naturali, e quindi delle carni, che diventeranno sinonimo di scelta di altissima qualità».

Vi sono poi fattori di carattere ambientale e sociale: «Ad oggi non sappiamo quantificare il consumo di acqua e energia per la produzione di carne sintetica, come agricoltura invece siamo assolutamente virtuosi dal punto di vista della fissazione del carbonio, della gestione delle acque e di molti altri aspetti di economia circolare. Senza contare che l’avanzata dell’artificiale porterà alla perdita di posti di lavoro e all’abbandono di molte aree rurali».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.