MANTOVA – IN CARCERE PER VIOLENZA SESSUALE AGGRAVATA E CONTINUATA NEI CONFRONTI DI UNA GIOVANE STUDENTESSA

Nei giorni scorsi, a seguito di tempestiva indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Mantova, i Carabinieri di Mantova unitamente ai Carabinieri di Roncoferraro hanno eseguito un fermo di indiziato di delitto nei confronti un trentaquattrenne extracomunitario, senza fissa dimora, ritenuto in ipotesi accusatoria responsabile di violenza sessuale aggravata e continuata.

In seguito alla querela sporta presso la Stazione Carabinieri di Mantova da una giovane studentessa, che denunciava di essere stata palpeggiata in due occasioni sull’autobus di linea, i carabinieri davano prontamente avvio alla procedura del cosiddetto “codice rosso”, informando immediatamente la Procura della Repubblica di Mantova, e cercando i riscontri a quanto denunciato: a seguito di prolungati servizi di osservazione e controllo nei pressi delle fermate degli autobus della stessa linea su cui sarebbero avvenuti i due episodi, veniva rintracciato l’uomo, che, sulla scorta dei gravi indizi di colpevolezza nel frattempo raccolti e del pericolo di fuga dell’uomo, veniva sottoposto a fermo di indiziato di delitto.

Dopo le formalità di rito, veniva trasferito presso la casa circondariale di via Poma a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. La Procura della Repubblica di Mantova, pertanto, richiedeva al Giudice per le Indagini Preliminari la convalida del fermo e l’applicazione della custodia cautelare in carcere.

Il Giudice, all’esito dell’odierna udienza, non ha convalidato il fermo, ritenendo non fondato il pericolo di fuga, ma ha tuttavia disposto la custodia cautelare in carcere, notificata all’uomo presso la casa circondariale di via Poma.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.