CASALROMANO – CAPORALATO E SFRUTTAMENTO DEL LAVORO. DUE ITALIANI IN MANETTE

Questa volta a finire nei guai sono due italiani, P.L. e P.M. 45 e 41 anni, fratelli, titolari dell’azienda agricola “CORTE MASSA” di Casalromano. Ieri pomeriggio, 10 settembre 2019, nelle campagne tra i comuni di Asola e Casalromano, presso un campo coltivato ad ortaggi, dopo mirata attività di osservazione, è scattata l’operazione dei carabinieri delle Stazioni di Guidizzolo, Castel Goffredo e Piubega, in collaborazione con il Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Mantova e la polizia locale di Asola.

Caporalato 2.JPG

Il servizio rientra nell’ambito dei controlli straordinari nel settore agricolo, agroalimentare/forestale e ambientale per il contrasto dei reati in materia di sfruttamento della manodopera clandestina, caporalato, di cui alla specifica Task Force provinciale guidata dal Ten. Colonnello Simone Toni, Comandante della Compagnia Carabinieri di Castiglione delle Stiviere (MN). Continua a leggere

MEDOLE – LABORATORIO DI CALZE: CAPORALATO, LAVORO NERO E CLANDESTINO. DUE PERSONE ARRESTATE

In Medole, i militari della Stazione Carabinieri di Guidizzolo, congiuntamente ai militari della Stazioni Carabinieri di Piubega, al Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Mantova, nel corso di un mirato servizio di cui alla specifica “TASK FORCE”, costituita su disposizione della Prefettura di Mantova, il cui coordinamento è affidato al Comandante della Compagnia Carabinieri di Castiglione delle Stiviere, Maggiore Simone TONI e finalizzata alla prevenzione e repressione del fenomeno dello sfruttamento della manodopera clandestina nell’ambito del “SETTORE TESSILE”, hanno arrestato per il reato di “trarre ingiusto profitto favorendo la permanenza nel territorio italiano di cittadini stranieri e sfruttamento della manodopera clandestina e caporalato, sospensione attività imprenditoriale e lavoro nero”, una 44enne ed un 34enne di nazionalità cinese, in qualità di reali conduttori di un laboratorio tessile del luogo.

CARABINIERI LABORATORIO CLANDESTINO REDONDESCO Continua a leggere

GAZOLDO D/ IPPOLITI – LABORATORIO CINESE: 2 ARRESTI E 1 DENUNCIA PER LAVORO NERO E CLANDESTINO

carabinieriIn Gazoldo degli Ippoliti, i militari della locale Stazione Carabinieri, congiuntamente ai militari delle Stazioni Carabinieri di Castel Goffredo e Piubega, al Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Mantova, alla Polizia Locale di Gazoldo degli Ippoliti e Rodigo, al personale INAIL, INPS e ATS Valpadana, nel corso di un mirato servizio di cui alla specifica “TASK FORCE”, costituita su disposizione della Prefettura di Mantova, il cui coordinamento è affidato al Comandante della Compagnia Carabinieri di Castiglione delle Stiviere, Maggiore Simone TONI e finalizzata alla prevenzione e repressione del fenomeno dello sfruttamento della manodopera clandestina nell’ambito del “SETTORE TESSILE”, hanno arrestato per il reato di “trarre ingiusto profitto favorendo la permanenza nel territorio italiano di cittadini stranieri e sfruttamento della manodopera clandestina, sospensione attività imprenditoriale e lavoro nero”, una 51enne ed un 52enne di nazionalità cinese, in qualità di reali conduttori di un laboratorio tessile del luogo di proprietà di un  31enne cinese attualmente irreperibile.

LABORATORIO CINESE.jpg Continua a leggere

CASTIGLIONE D/ STIVIERE – RUBANO UN’AUTOCLAVE E IL SERBATOIO DA 250 LITRI E SI DANNO ALLA FUGA: ARRESTATI DUE UOMINI

Non sfuggono ai Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Castiglione delle Stiviere i due ladri di attrezzi agricoli che questa mattina (25 marzo) si sono introdotti in una azienda agricola di Castiglione delle Stiviere, dove per asportare il motore di un’autoclave e il serbatoio da 250 litri, hanno praticamente distrutto mezzo impianto di pompaggio.

CARABINIERI - CASTIGLIONE DELLE STIVIEREA seguito di analoghi recenti furti perpetrati nella zona, i Carabinieri di Castiglione Delle Stiviere avevano intensificato i controlli con particolare riguardo proprio a questo tipo di aziende e abitazioni rurali, ritenute possibili obiettivi di altri mirati raid ladreschi. Infatti, alle 09.00 circa di oggi, lunedì 25 marzo, il titolare della citata azienda agricola notava, mentre era impegnato in varie attività, un fiat fiorino allontanarsi frettolosamente dall’azienda. Continua a leggere

MARMIROLO – CONTROLLO DI LABORATORI CINESI: TROVATO UN CLANDESTINO

carabinieriIn Marmirolo, i militari della Stazione Carabinieri di Castel Goffredo, congiuntamente ai militari delle Stazioni Carabinieri di Guidizzolo e Gazoldo degli Ippoliti, al Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Mantova, al personale INAIL, INPS e della Polizia Locale di Marmirolo, nel corso di un mirato servizio di cui alla specifica “TASK FORCE”, costituita su disposizione della Prefettura di Mantova e finalizzata alla prevenzione e repressione del fenomeno dello sfruttamento della manodopera clandestina nell’ambito del “SETTORE DELLA CALZA”, a seguito di un controllo effettuato all’interno di un’azienda di confezionamento del posto, il cui titolare, un cittadino 52enne cinese regolare sul territorio nazionale, hanno identificato un 27enne connazionale, risultato clandestino sul territorio nazionale ma non intento all’attività lavorativa. Continua a leggere

MANTOVA – BADANTE ARRESTATA PER FURTO AGGRAVATO IN ABITAZIONE

In Mantova, i militari della locale Stazione Carabinieri, a seguito di complesse ed articolate attività d’indagine hanno arrestato per il reato di “furto aggravato in abitazione”, una 48enne italiana del luogo.

carabinieri mantova

Alcune settimane fa una coppia di coniugi anziani abitanti nel centro cittadino, si sono presentati presso il Comando di Via Chiassi per sporgere una denuncia di furto di denaro, infatti gli stessi si sono accorti in più occasioni che dal loro conto corrente erano stati effettuati dei pagamenti mediante tessera bancomat, a seguito di spese da loro mai effettuate presso alcuni esercizi commerciali della città, nonché dalla cassaforte che regolarmente è chiusa da una chiave nascosta dai familiari all’interno della propria abitazione, erano sparite delle piccole somme di denaro contante. Continua a leggere

REDONDESCO – LABORATORIO CINESE: TRE PERSONE DENUNCIATE DI CUI UN ARRESTO PER SFRUTTAMENTO DELLA MANODOPERA CLANDESTINA

In Redondesco, i militari della Stazione Carabinieri di Piubega, congiuntamente ai militari delle Stazioni Carabinieri di Castel Goffredo e Monzambano, al Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Mantova, al personale INAIL e personale ATS Valpadana – PSAL Mantova, nel corso di un mirato servizio di cui alla specifica “TASK FORCE”, costituita su disposizione della Prefettura di Mantova, il cui coordinamento è affidato al Comandante della Compagnia Carabinieri di Castiglione delle Stiviere, Maggiore Simone TONI e finalizzata alla prevenzione e repressione del fenomeno dello sfruttamento della manodopera clandestina nell’ambito del “SETTORE DEL CONFEZIONAMENTO DI ABBIGLIAMENTO”, hanno denunciato per il reato di “trarre ingiusto profitto favorendo la permanenza nel territorio italiano di cittadini stranieri e sfruttamento della manodopera clandestina”, una 39enne, un 52enne ed un 53enne, tutti di origini cinesi.

CARABINIERI LABORATORIO CLANDESTINO REDONDESCO.jpg Continua a leggere

RODIGO – NEI GUAI TITOLARE DI UN LABORATORIO CINESE: TROVATA UNA DIPENDENTE SENZA CONTRATTO

laboratorio cinese a rodigoIn Rodigo, i militari della Stazione Carabinieri di Gazoldo degli Ippoliti, congiuntamente ai militari delle Stazioni Carabinieri di Guidizzolo e Castel Goffredo, al Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Mantova, al personale INAIL e INPS, Polizia Locale di Rodigo, personale dell’ufficio tecnico del Comune di Rodigo e personale “ATS VALPADANA-SPSAL MANTOVA”, nel corso di un mirato servizio di cui alla specifica “TASK FORCE”, costituita su disposizione della Prefettura di Mantova, il cui coordinamento è affidato al Comandante della Compagnia Carabinieri di Castiglione delle Stiviere, Maggiore Simone TONI e finalizzata alla prevenzione e repressione del fenomeno dello sfruttamento della manodopera clandestina nell’ambito del “SETTORE CALZA”, hanno controllato un laboratorio nel centro cittadino di proprietà di un 31enne cinese residente a Villafranca di Verona. Durante il controllo all’interno del laboratorio tessile, hanno accertato la presenza di due lavoratrici di cui una sprovvista di regolare contratto di lavoro.

Continua a leggere

RIVAROLO MANTOVANO – CONTROLLATO LABORATORIO CINESE: TITOLARE E I 6 LAVORATORI RISULTATI TUTTI IN REGOLA

CARABINIERI 12In Rivarolo Mantovano, i militari della Stazione Carabinieri di Bozzolo, unitamente ai militari delle Stazioni Carabinieri di Castel Goffredo, Viadana, al Nucleo Operativo e Radiomobile dei Carabinieri di Viadana, al Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Mantova, al personale INAIL e INPS, nel corso di un mirato servizio di cui alla specifica “TASK FORCE”, costituita su disposizione della Prefettura di Mantova e finalizzata alla prevenzione e repressione del fenomeno dello sfruttamento della manodopera clandestina nell’ambito del “SETTORE DEL CONFEZIONAMENTO DI ABBIGLIAMENTO”, a seguito di un controllo all’interno di un’azienda di confezionamento il cui titolare un cittadino cinese regolare sul territorio nazionale, hanno identificato complessivamente 6 lavoratori tutti regolarmente assunti e regolari sul territorio nazionale. Continua a leggere

PORTO MANTOVANO – RAVE PARTY ABUSIVO, MAXI DENUNCIA CHE HA COINVOLTO ANCHE DEI MINORI: 160 PERSONE DENUNCIATE

rave party.jpgConclusa dai Carabinieri di Mantova la prima fase di accertamento ed identificazione dei partecipanti al rave party che dalla serata del 09 Febbraio fino al pomeriggio del 10 Febbraio 2019 che ha tenuto impegnata l’intera Compagnia Carabinieri di Mantova, supportata dai colleghi di tutta la Provincia, a contenere la marea umana di giovani provenienti dalle più disparate provincie italiane ed anche dall’estero che in quel giorno si sono riversati all’interno della Corte “RAFFAINA” di Soave di Porto Mantovano per partecipare alla maratona di 24 ore da sballo.

Come si ricorda, nell’occasione i Carabinieri di tutte le stazioni della Compagnia di Mantova, supportati anche da altri militari di tutta la provincia, hanno gestito al meglio l’imponente manifestazione, che sembrerebbe essere stata organizzata non utilizzando canali web ma tramite una fitta rete di contatti a livello europeo di  un noto sistema di servizio di messaggistica. Continua a leggere