MANTOVA FESTIVALETTERATURA 2015 – UNO SGUARDO SULLA VIOLENZA ALLE DONNE

Donne 1

di G.Baratti

Giovedì 10 settembre a partire dalle 18 a Mantova nel salone dei convegni del Plenipotenziario di Piazza Sordello si terrà un evento collaterale del Festivaletteratura promosso dalla Cooperativa Centro Donne Mantova dal titolo “Dallo stalking alla vittimizzazione secondaria – la trilogia di Marzia Schenetti”. La storia di Marzia Schenetti raccontata attraverso tre libri è un’inquietante esempio del difficile percorso di uscita dalla violenza.

FB_IMG_1441662947481_resized

Un trittico fondamentale per capire le sfaccettature della violenza sulle donne da quelle più evidenti a quelle più nascoste e sotterranee che chiamano la collettività a una presa di coscienza.

FB_IMG_1441662862893_resizedIntervengono Marzia Schenetti, scrittrice, cantante lirica e performer, Lara Facchi, criminologa forense, Claudia Forini, counselor e presidente Cooperativa Sociale “onlus” Centro Donne Mantova, Elena Magri, assessora Pari Opportunità Provincia di Mantova.

FB_IMG_1441635840727_resized

MARZIA SCHENETTI presenta la trilogia in cui viene narrato il lungo cammino verso l’uscita dalla violenza, è anche e soprattutto l’occasione di interrogarsi sulle forme di violenza secondaria di cui le donne che escono da una situazione di abuso sono vittime.

cop“Il gentiluomo”. Romanzo d’esordio di Marzia Schenetti, si apre con il primo appuntamento tra Matilde e Marco, un uomo apparentemente galante, cortese e pieno di attenzioni. Già al termine di questo incontro, però, Matilde avrà l’impressione che tutto quello che le darà Marco avrà un prezzo, che ogni briciola di dolcezza dovrà essere ottenuta con grande sforzo, che sarà ogni volta come dover sollevare una pietra enorme per avere un granello di zucchero. È l’inizio di una storia di stalking, espressione inglese che abbiamo imparato dalla cronaca e che racchiude in sé tante parole: persecuzione, umiliazione, sopraffazione e violenza sono solo alcune delle cose che evoca. E poi c’è quello che una parola da sola non può raccontare, c’è la necessità di dire passo passo, dettagliatamente, come in una cronaca, ciò che accade a una donna quando si trova faccia a faccia con lo stalking: è quello che fa l’autrice, con l’intensità di chi ha avuto la disavventura di vivere questa esperienza sulla propria pelle, ma anche il coraggio e la fortuna di uscirne.

evil-l-uomo-del-male1

Evil è l’uomo del male: possiede un’infallibile e geniale predisposizione alla distruzione dell’altro, odia le donne, è completamente privo di empatia. Evil entra senza bussare, si diverte nel generare onnipotenza per il solo gusto di veder soffrire e poi scompare in un soffio, lasciando solo macerie. Anni di distruzione, terre bruciate e palazzi crollati; imprendibile, protetto sempre da un male superiore, incontra l’unica donna pronta a fermare la sua corsa: Matilde.

LE-GENTILDONNE

Le gentildonne. Un libro denuncia. “Una storia di violenze ti mette a zero, ti aspetti dalle persone massima solidarietà, spessore umano, comprensione. Invece non è così, tu sei la vittima e tale rimani. Non trovi nemmeno più lavoro. Le istituzioni ai convegni ti aprono tutte le porte, ma una volta chiuso il dibattito e spente le luci si dimenticano di te”.

Rispondi