MANTOVA – SILVIA VEGETTI FINZI ALL’AUDITORIUM MONTEVERDI PRESENTA LA SUA “BAMBINA SENZA STELLA”

di G.Baratti

Mercoledì 3 febbraio alle ore 18, presso il Conservatorio di musica di Mantova “L. Campiani”, nell’ Auditorium “Claudio Monteverdi” Via della Conciliazione, 33  è stato organizzato un incontro aperto a tutti con la prof.ssa Silvia Vegetti Finzi che presenterà il suo ultimo saggio “Una bambina senza stella”.

Zaltieri e Cremonesi.jpg

Per l’occasione, sono state chiamate ad introdurre l’evento la prof.ssa Maria Rosa Cremonesi, preside dell’Istituto Superiore “Carlo d’Arco e Isabella d’Este” e la prof.ssa Francesca Zaltieri, presidente del Conservatorio di musica “L. Campiani” e vice presidente della Provincia di Mantova;  mentre  a dialogare con la scrittrice  ci saranno i docenti Grazia De Mori e Andrea Ranzato del Liceo “Isabella d’Este”.

Una bambina senza stella

Ricordarci di essere stati dei bambini può aiutarci a capire meglio i bisogni dei nostri figli. Silvia Vegetti Finzi ricostruisce in questo libro la storia di una bambina alle prese con vicende comuni a quelle di molti di noi e a quelle che dovranno affrontare i nostri ragazzi. Si parla di separazioni improvvise dai genitori, della gestione dell’indifferenza degli adulti. Ma anche delle bugie che si imparano in fretta e della fantasia che può essere usata come una zattera per rendere la realtà più sopportabile. Il risultato è un libro rivolto a tutti coloro che desiderano comprendere i bambini seguendone in diretta i percorsi evolutivi, evocando per empatia la loro stessa infanzia.

Durante la conferenza, verranno eseguite musiche della tradizione yiddish a cura dei professori Daniele Braghini, Francesco Bonfà ed Eva Perfetti.

Bonfà.jpg

L’evento si ripeterà giovedì 4 febbraio alle ore 11 presso l’Aula Magna del Liceo “Isabella d’Este”, per i ragazzi della scuola e, durante la conferenza, verranno eseguite musiche della tradizione yiddish e danze della tradizione israeliana eseguite dagli allievi del Liceo Musicale e Coreutico “Isabella d’Este”, a cura del prof. Francesco Bonfà e della prof.ssa Valentina Chelli Florian.

SILVIA VEGETTI FINZI 1.jpg

La studiosa SilviaVegetti Finzi ha dedicato la sua vita allo studio della psiche umana. Dal 1986 è pubblicista del “Corriere della Sera” e successivamente anche di “Io donna” e di “Insieme”. Fa parte del comitato scientifico delle riviste: “Bio-logica”, “Adultità”, “Imago ricercae”, nonché dell’Istituto Gramsci di Roma, della “Casa della Cultura” di Milano, della “Libera Università dell’Autobiografia” di Anghiari. Nel 1998 ha ricevuto, per i suoi scritti di Psicoanalisi, il premio nazionale “Cesare Musatti” e per quelli di bioetica il premio nazionale “Giuseppina Teodori”. Nel 1978 ha pubblicato “Storia della psicanalisi”, una delle sue opere più note, ma ha trattato anche altri argomenti relativi al mondo dell’infanzia e dell’adolescenza, all’immaginario femminile ed agli effetti delle biotecnologie sulla maternità.

(foto web)

Rispondi