MANTOVA – PRESENTAZIONE DEI “QUADERNI DI SAN LORENZO”

Rotonda di san Lorenzo - interno.jpg

All’interno delle manifestazioni di Mantova Capitale Italiana della Cultura, l’Associazione per i Monumenti Domenicani-Casa Andreasi organizza con il patrocinio e il contributo del Comune di Mantova, Lunedì 23 maggio ore 21 alla Rotonda di san Lorenzo la presentazione dei Quaderni n. 13 e n.14 di San Lorenzo. Ingresso aperto a tutti.

Interverranno gli autori

Renato Berzaghi

Claudia Bonora Previdi

Gianfranco Ferlisi

Giulio Girondi

Rodolfo Signorini

Stefania Terenzoni

QUADERNI.jpg

Il n. 13 raccoglie le conferenze tenute in Rotonda nel 2012, dal titolo Chiese di congregazioni e ordini femminili con saggi di Stefania Terenzoni sul Convento di Santa Lucia poi Orfanotrofio dei Maschi (in via Frattini) e sulla presenza delle Clarisse a Mantova.

Giulio Girondi studia l’attuale sede del Politecnico di Milano – Polo di Mantova che fu in origine sede di due diversi istituti femminili (il convento delle Convertite di Santa Maddalena e il Pio Luogo della Misericordia), mentre Gianfranco Ferlisi, riprende qui le sue ricerche sulla chiesa e sul convento di Santa Maria della Misericordia oggi recuperati come sede del Conservatorio di Mantova.

Il n. 14 Chiese francescane comprende i saggi di Rodolfo Signorini su San Francesco, chiesa già molto studiata, oggetto di ricerche e analisi. Per questo, qui, Rodolfo Signorini si concentra su particolarità meno note, quali la raccolta di reliquie e la compilazione di un corpus compatto di trascrizioni e traduzioni di epigrafi dei monumenti funebri ivi presenti, poi dispersi e ricollocati in chiese diverse.

Giulio Girondi ci narra di Sant’Orsola, in corso Vittorio Emanuele con una efficace lettura architettonica, dalla sua fondazione all’apertura di una strada, Via Bonomi, che oggi fa dimenticare la prestigiosa sede voluta e arricchita di opere d’arte da Margherita Gonzaga.

Claudia Bonora Previdi, pur nella scarsità di notizie e reperti riconducibili ai meno noti complessi di San Ludovico, Santa Elisabetta e San Giuseppe, rivela una parte dell’antico tessuto cittadino e delle trasformazioni e cambiamenti che Mantova ha subito prima di giungere all’attuale conformazione urbanistica al di fuori del più conservato centro cittadino.

Renato Berzaghi prende in esame la sorte delle due chiese dedicate a Maria Concetta. Nessuna delle due permane come luogo di culto: una ancora oggi leggibile sotto le strutture di un ambiente teatrale, l’altra scomparsa completamente. Renato Berzaghi, ricostruendone la storia ha potuto anche assegnare a queste chiese alcune delle opere d’arte che la adornavano.

Info: Casa Andreasi – tel. 0376/322297 – 345/1539547  www.casandreasi.it

Rispondi