RAVENNA – TRA I DEMONI A PASSO DI DANZA CON LO SPETTACOLO DAEMONES

Daemones -.jpg

di Mendes Biondo

 La Divina Commedia e Dante rivivono nello spettacolo Daemones, un evento danzante che unisce l’antica arte del corpo con quella della letteratura, ideato e diretto da Angelica Aurora Montanari e Coreografato dalla Compagnia di Raffaele Irace. A partire dal 19 fino al 23 Giugno 2016, alle ore 11.00, sarà possibile entrare nel mondo affascinante e spettrale dei demoni danteschi grazie ad uno spettacolo che inscena un viaggio negli Inferi, accompagnando il pubblico tra figure che echeggiano la tradizione classica e il folclore di un cristianesimo non ancora addomesticato.

Il progetto di spettacolo Daemones di Angelica Aurora Montanari (medievista, danzatrice, regista e ideatrice di spettacoli di musica e danza), ha vinto il bando Giovani artisti per Dante, venendo selezionato tra una settantina di progetti per essere prodotto dal Ravenna Festival.

maschere.jpg

L’avventura ha inizio in una foresta magica, rivisitazione fatata della selva oscura in cui si perde Dante e prosegue tra le potenti e vivaci figure demoniache che si incontrano tra i gironi dell’Inferno. Musiche e danze svelano in questo modo il lato folcloristico della Commedia dantesca, offrendo un’interpretazione a tratti poetica e a tratti ironica dei diavoli e dei demoni infernali. Il dialogo tra differenti linguaggi performativi (danza, musica e body percussion) caratterizza l’ideazione di Daemones.

Tommy Ruggero.jpg

La costruzione coreografico musicale ruota attorno all’interazione tra la musica e la danza particolarmente curata attraverso la collaborazione tra Angelica A. Montanari, il coreografo Raffaele Irace e il percussionista Diego Occhiali, incaricato della direzione musicale dello spettacolo. Musica e danza sono così intese come unico “corpo artistico” e i musicisti stessi fanno parte integrante delle coreografie.

lollo.jpg

L’utilizzo di strumenti musicali di provenienze variegate – come congas, djembe, frame drum, hang, tamburi bassi manding, sarangi – si unisce ad una resa stilistica svincolata dai canoni tradizionali, capace di dare vita ad atmosfere sonore inedite e originali. Contenuti profondi sono così resi in semplici forme, per divertire, sognare e celebrare l’opera e lo spirito sottile e visionario di un grande poeta.

Veronica

Veronica Morello

Le danzatrici in scena sono Vittoria Carpegna e Veronica Morello coordinate da Alessandra Mazzetti (Assistente di compagnia); le musiche sono performate da Diego Occhiali e Tommy Ruggero, per quanto riguarda le percussioni, mentre live electronics, sarangi e chitarra folk saranno apannaggio di Lorenzo Mantovani. La voce registrata è quella di Umberto Fiorelli e le meravigliose maschere di scena sono state realizzate da Carlo Gazzotti.

Angelica A MontanariAngelica Aurora Montanari si occupa di antropologie storica e di storia medievale. Ha fatto ricerca presso l’École des Hautes Études en Sciences Sociales di Parigi, l’Universitade fluminense di Niteroi (Brasile) e l’Università di Bologna. È autrice di diversi saggi e del libro Il Fiero Pasto. Antropofagie medievali, Il Mulino 2015. Formata in ginnastica artistica, rock acrobatico, danza orientale e africana, è inoltre danzatrice, regista e ideatrice di spettacoli di musica e danza, attraverso i quali mette in scena, attualizzandoli, i temi letterari scoperti nel corso delle sue ricerche.

Diego Occhiali

Diego Occhiali, percussionista. Dai 7 anni studia con Modou Kheulle, Gonzalez De La Caridad, Sourakhata Dioubate, Filippo Mignatti. Dai 13 anni si esibisce in spettacoli di musica e danza lavorando per Bruno Genero Ensemble (“Hommage”, Teatro Regio, Torino), Ballet Bannaya (Festival mondial des arts negres), Frank Agrario, Marco Catinaccio, Cristian Grassilli, Domenico Loparco, Dolcenera, Angelica A. Montanari.

RAFFAELE IRACE copia

Raffaele Irace si diploma come ballerino presso la Fondazione Teatro Nuovo di Torino e si perfeziona all’École-Atelier Rudra di Maurice Béjart a Lausanne, in Svizzera. Nel 2005 si laurea al DAMS presso l’Università`degli Studi di Torino.Durante la sua carriera interpreta le opere dei più grandi maestri e nomi internazionali della coreografia. Tra i più importanti Robert North, Mats ek, James Sutherland, Austin Hartel, Carolyn Carlson, Jacopo Godani, Maurice Béjart e William Forsythe. Il suo metodo di insegnamento di danza contemporanea si ispira e mette a frutto, oltre all’importante esperienza come ballerino, gli insegnamenti di maestri come Austin Hartel (Pilobolus) John Mead, Harris Mantafounis (tecnica Limon) Douglas Nielsen (tecnica Cunningham), Max Luna (Alvin Ailey – tecnica Horton), Wayne McGregor.

La ricerca costante sulle possibilità di movimento ed espressione del corpo attraverso la danza ne stimolano altrettanto la vena coreografica, che lo porta alla creazione di diversi lavori per la danza come per la regia d’opera e prosa, a livello europeo. Negli ultimi anni dopo una marcante esperienza in qualità di ballerino con il coreografo Jacopo Godani (per la Biennale di Venezia, ed il Festival Internazionale di Montepulciano), inizia ad investigare in maniera approfondita il metodo di lavoro della Forsythe Company a Francoforte, dove incontra William Forsythe. Presso il Teatro dell’Opera Gärtnerplatz di Monaco di Baviera, direzione Henning Paar, come ballerino solista, Raffaele Irace interpreta “TRIO” (coreografia di W. Forsythe). A partire dal 2015 riceve il ruolo di Maitre de Ballet e Coordinatore in seno alla The Forsythe Company di Francoforte, sotto la direzione di Jacoppo Godani.

La Compagnia. Nel 2008 tornato in Italia Raffaele Irace fonda il suo progetto artistico, la compagnia di danza The very secret dance society, che dirige con crescente consenso a Torino, sua città natale. La compagnia é invitata in tournée sia in Italia che allʼestero con crescente successo (Francia, Germania , Macedonia, Turchia) in diversi Festival nazionali ed internazionali di danza contemporanea, ad esempio la Biennale Giovani Artisti dellʼEuropa e del Mediterraneo nel 2009, la Biennale di Venezia – Danza nel 2012. Come artisti ospiti sono invitati nel 2013 dallʼAmbasciata dʼItalia in Turchia ad Ankara per i Festeggiamenti della Repubblica Italiana allʼestero, e per lo scambio culturale internazionale transfrontaliero Italia – Svizzera InterReg, sono chiamati come unica compagnia rappresentante lʼItalia. Con la commissione coreografica “Ancestros”, spettacolo con le musiche del percussionista Bruno Genero, Irace debutta al Teatro Regio di Torino nel marzo 2014.

Nel 2015 la sua Compagnia presenta il suo lavoro in una speciale partecipazione al Gala Internazionale di Danza di Münster, in Germania. La Compagnia The very secret dance society / Raffaele Irace é dal 2015 una compagnia di danza riconosciuta e sovvenzionata dal Ministero per i Beni e delle Attività Culturali – MIBACT.

Spettacolo patrocinato da: Dipartimento dei Beni Culturali dell’Università di Bologna (Luigi Canetti, Nicoletta Guidobaldi, Sebastiana Nobili), Teatrino dell’Es (Vittorio Zanella, Rita Pasqualino), Diapason ed è stato supervisionato da Luigi Canetti, Nicoletta Guidobaldi, Sebastiana Nobili.

Per maggiori informazioni o per prenotazioni è possibile visitare il sito http://www.ravennafestival.org/events/daemones/

Annunci

Rispondi