MANTOVA – LA CERIMONIA DEL SÉ A PALAZZO TE con Il Teatro Barbarico di Giovanni Lindo Ferretti

ferretti-cerimonia-del-se-3.jpg

“Nell’anno di grazia MMXVI nella luce del tramonto, a fine estate un pugno di uomini e di cavalli tra memoria, oblio ed evocazione: La Cerimonia del Sé a Palazzo Te, pochi elementi essenziali, attitudini solitarie, l’allevare con cura, l’addestrare con sapienza. Certo le circostanze non sono favorevoli e quando mai lo sono?”
Giovanni Lindo Ferretti.

presentazione.jpgdi Mendes Biondo

Un grande evento per Mantova Capitale Italiana della Cultura che a Palazzo Te, durante il fine settimana che va dal 16 al 18 Settembre 2016. Si prepara ad ospitare quello che è stato unanimemente riconosciuto più come un vero e proprio rituale laico che come uno spettacolo teatrale: “LA CERIMONIA DEL SE’ A PALAZZO TE” della libera Compagnia di uomini, cavalli e montagne con Il Teatro Barbarico di Giovanni Lindo Ferretti.Lo spettacolo equestre andrà in scena nel Giardino dell’Esedra venerdì 16 e sabato 17 al tramonto (ore 19) e domenica 18 all’alba (ore 7)

Niente prove, né prime. “Non si fa la prima di una messa” dice Ferretti mentre si premura di spiegare la sua idea di teatro barbarico che nasce dall’esigenza di ricreare un ponte che metta in contatto di nuovo l’uomo con la sua natura più antica, che lo rimetta di fronte al primissimo mezzo di movimento che non coinvolga i piedi.

Salire a cavallo, per l’umanità, significò cambiare prospettiva, rileggere il mondo in maniera più dinamica e con una gerarchia che vada ben oltre quello che qualsiasi altro animale sia in grado di fare.

L’uomo ha liberato il cavallo dal suo stato di animale da preda, lo ha reso un fido compagno d’avventura e ha permesso, addirittura, che la stessa natura di quest’ultimo mutasse in qualcosa di migliore.

giovanni-lindo-ferretti- e i suoi cavalli.jpgSe prendiamo sei stalloni maschi e li lasciamo da soli, questi si uccideranno. Con l’uomo possono convivere grazie alla gerarchia che viene a crearsi.”

Quindi una cerimonia artistica, qualcosa che ricorda, in maniera certamente meno cruenta, il concetto di arte-sacralità che si è sviluppato a partire dal Teatro delle Orge e dei Misteri di Hermann Nitsch.

In questo caso si vogliono enfatizzare tutti quei gesti che legano l’uomo al proprio cavallo, a come sia possibile gestire un animale fisicamente più potente e forte dell’essere umano solo con la semplice fiducia che si viene a creare tra colui che guida e colui che è guidato. E per meglio enfatizzare questo concetto, Ferretti ha deciso di utilizzare per lo spettacolo cinque cavalli provenienti dalla Maremma e appenninici anziché cavalli spagnoli o turchi che generalmente vengono impiegati in numeri circensi e un mulo.

la cerimonia.jpgMa non è soltanto il rapporto animale-uomo a venir sottolineato da questo spettacolo. Anche la percezione della luce, intesa come luce solare e non elettrica, che abbiamo sviluppato durante la rivoluzione industriale prima e quella economica dopo, viene completamente ribaltata dal Teatro Barbarico. È il Sole, con le sue variazioni luminose del  tramonto e dell’alba, a fornire le tonalità e le vibrazione di luce adatte alla buona riuscita di questo cerimoniale artistico.

Non è un caso, inoltre, che a fare da cornice alla performance sia proprio il Palazzo Te, luogo che nell’antichità ha ospitato diverse manifestazioni ippiche e che, anche già solo nelle proprie stanze, raccoglie la manifestazione di quanto la famiglia Gonzaga fosse legata all’animale da trasporto per antonomasia.

presentazione.1.jpgAlla conferenza stampa di presentazione dell’evento, assieme all’artista Ferretti sono stati il Sindaco di Mantova Mattia Palazzi, il Presidente del Centro Internazionale d’Arte e di Cultura di Palazzo Te, Stefano Baia Curioni e il Direttore di Palazzo Te, Stefano Benedetti.

I biglietti sono disponibili in prevendita sul sito www.vivaticket.it e presso il punto vendita Vivaticket BP Factory di Piazza Concordia 13. Nonostante ciò,  i biglietti saranno acquistabili a Palazzo Te il giorno stesso dello spettacolo (apertura biglietteria 16 e 17 settembre dalle ore 9.00 alle ore 19.00; 18 settembre dalle ore 5.30 alle ore 7.00).

Annunci

Rispondi