REGGIOLO – INAUGURATA LA NUOVA AULA ALL’APERTO ALLA SCUOLA “DE AMICIS”

Aula all'aperto De Amicis.jpg

Grande partecipazione all’inaugurazione dell’aula all’aperto della scuola primaria “De Amicis” a Reggiolo. Dove si trovava il container che ospitava la mensa della scuola subito dopo il sisma del 2012, ora c’è un bel giardino con uno spazio pensato per l’educazione ambientale, che presto sarà ancora più verde grazie a nuove piante.

Un modo per guardare al futuro e in maniera costruttiva, perché insegnare l’ecologia e pensare in modo sostenibile significa insegnare a rispettare la ricchezza della natura creando prospettive future. Stamattina lo ha spiegato molto bene la dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo di Reggiolo, Agnese Vezzani, che ha sottolineato il valore educativo di questo investimento, reso possibile grazie all’importante attività del Centro del riuso.

L'intervento di Angeli.jpg

Nel suo intervento il sindaco di Reggiolo Roberto Angeli ha ricordato la nascita del Centro del riuso e i risultati che ha raggiunto in poco più di un anno di attività. Numeri importanti che hanno permesso di rimettere in circolo otto tonnellate circa di materiale destinato alla discarica. Tutto questo, compresa la raccolta di fondi destinati alla scuola reggiolese, è stato possibile anche grazie all’impegno dei volontari dell’Auser che continuano a gestire con grande efficienza il servizio a disposizione di tutti i cittadini. All’appuntamento, oltre a numerosi reggiolesi e bambini, erano presenti i rappresentanti dell’Auser e di Coop Alleanza 3.0.

Taglio del nastro De Amicis 3.jpgOra nel giardino della scuola “De Amicis” trova spazio quest’aula all’aperto con tavoli e panche in legno, uno spazio perfetto per proseguire le attività didattiche e ricreative dedicate ai temi ambientali. Presto questo spazio sarà anche più verde. Il prossimo 21 novembre, in occasione della Giornata dell’albero, saranno infatti piantumate alcune piante che formeranno una siepe. I bambini hanno deciso insieme di adottarle e prendersene cura durante tutto l’anno scolastico.

Rispondi