MANTOVA – LA POESIA DELL’ALBINISMO SECONDO SILVIA CAIMI

img 1.jpg

La parola ‘albino’ in Africa è associata alla parola ‘morte’. Fantasmi che non muoiono.

I guaritori usano parti del loro corpo per pozioni magiche che servono ad ottenere salute e prosperità. Domenica 19 febbraio nell’affascinante cornice della Chiesa di Santa Maria della Vittoria, edificio votivo voluto da Francesco II Gonzaga, per il quale il grande Andrea Mantegna realizzò la celebre pala d’altare la “Madonna della Vittoria” attualmente conservata al Louvre, le opere pittoriche di Silvia Caimi, dialogando con Mantegna e con le performances della Compagnia di Teatro Danza di Sisina Augusta, ci raccontano di un viaggio dell’anima dove l’arte e la bellezza eterna dei grandi Maestri dell’arte risolvono ogni diversità.

Le opere della pittrice mantovana, che sta esponendo negli Stati Uniti ed è stata insignita per merito artistico della prestigiosa medaglia del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, non affrontano soltanto il tema dell’albinismo, perseguitato con ferocia in Africa. Le opere e la performance offrono importanti spunti di riflessione su temi umanitari e di grande rilevanza sociale, la diversità, il pregiudizio, l’indifferenza, anche in riferimento all’opera “Cecità” di J. Saramago, su idea e coreografie di Sisina Augusta.

La società contemporanea è cieca poiché si è perso il senso di solidarietà fra le persone, il pregiudizio fa spazio alla differenza e soprattutto all’indifferenza. Ad operare la catarsi è come sempre l’arte, la bellezza e la sua eternità.

Presenta Edgarda Ferri, scrittrice, giornalista e saggista di origine mantovana.

img 2.jpg

La performance verrà eseguita alle 18,00 con replica 19,00.

L’evento gode del patrocinio del Comune di Mantova e dell’Associazione Albini Italiani ALBINIT in collaborazione con l’Associazione Amici di Palazzo Te e dei Musei Mantovani

INGRESSO LIBERO

info@oilpaintings.it — www.oilpaintings.it

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.