MANTOVA – SABATO 25 FEBBRAIO: IL NABUZARDAN A PALAZZO TE CON LA CICLOFFICINA DEL CARNEVALE

Ciclofficina1.jpg

La Ciclofficina del carnevale di Mantova trasforma le bici in animali fantastici anziani, bambini e bambine, genitori: tutti impegnati a travestire le biciclette.

È in fermento la ciclofficina del carnevale di Mantova, per allestire la parata del Nabuzardan: draghi, mostri informi e multicolori, tentacoli e code stanno prendendo forma, pronte a muoversi con ruote e pedali. Sabato 25 febbraio alle 15 partenza dal Gradaro alla volta di Palazzo Te, dove tutte le fantastiche creazioni prenderanno posto nell’Esedra, per diventare parte dell’allestimento carnevalesco. Genitori e anziani del quartiere Valletta Valsecchi si stanno impegnando per cercare i cartoni giusti da ritagliare e i colori più vivaci per trasformarli in pezzi di animali.

La ciclofficina, e quindi la partecipazione alla parata, sono aperte a tutti, nel pieno spirito del progetto “Epicentro culturale diffuso Valletta Valsecchi”.

ciclofficina2.jpg

Per passare dall’ideazione alla costruzione le tappe sono due, di realizzazione e montaggio. Si è già svolta una prima sessione di lavori nello Spazio Gradaro: giovedì 16 febbraio dalle 17 alle 19 si svolgerà il secondo appuntamento per la realizzazione sagoma colorata da installare sulla bici, che già si preannuncia molto più di un semplice laboratorio, perché si vocifera di una grigliata finale offerta per stare in compagnia dopo la fatica della costruzione.

Servono circa 2 ore per costruirla, e verrà custodita nello spazio fino al montaggio, previsto per i pomeriggi del 22, 23 e 24 febbraio dalle 16.00 alle 19.00, (momenti dedicati anche a chi vuole costruirla). Solo montaggio invece la mattina del 25, dalle 11 alle 12.30.

Per informazioni manda un sms o un messaggio whatsapp, mail o messaggio facebook a Segnidinfanzia (0376/1511955 cell.349.6402142) o via mail segnidinfanzia@gmail.com, così ci prepariamo ad accoglierti al meglio. E non dimenticare di portare anche il tuo caschetto: anche se la parata si muove lentamente…la sicurezza innanzitutto!!!

ciclofficina5.jpgRicorda: chi partecipa alla parata oltre a divertirsi un mondo avrà ingresso gratuito a Palazzo Te per il Nabuzardan. Se non puoi venire in bici puoi entrare sicuramente a Palazzo Te e goderti lo spettacolo, biglietto adulti 5 €, bambini 1 €.

Dalle 15.30 gli artisti animeranno le sale della villa giuliesca, in un percorso tra narrazioni sorprendenti e creature straordinarie.

In sala di Apollo e ala napoleonica due postazioni con quattro truccatrici per soddisfare tutti, bambini ed adulti con trucchi fantastici.

In sala Cavalli FEFE, lequilibrista che danza sulla luna. In equilibrio su una leggerissima struttura di carbonio a forma di luna basculante l’acrobata esegue virtuosismi sul filo poetici e strabilianti.

Nel giardino dellEsedra Andrea Zerbini con monociclo, diablo e clavette si esibisce nella scenografia di bici travestite da animali fantastici, tra cui curiosa carrozzina con dentro un animale fantastico realizzato in 3D da Helpy Technology e i ragazzi del Politecnico con le stampanti tridimensionali dell’officina creativa Santagnese10.

In tema con gli animali fantastici si esibirà Cecia la donna serpente completamente tatuata che si arrotola e srotola dal palo cinese con movimenti che sfidano la forza di gravità.

L’Ala Napoleonica ospita Amelia Amalia, due trasformiste che si trasformano in sirene che cantano e incantano. Infine Andreanna, la donna con i cerchi un’acrobata con l’hula hop davvero incredibile.

Esauriti invece i posti per la tappa del carnevale nel Complesso Museale di Palazzo Ducale con “Maghe, Nani e Giganti – Percorso di visita in maschera con spettacolo” di sabato 18 febbraio.

ciclofficina4.jpg

Hanno contribuito alle fasi di preparazione della parata gli Scarponauti con il Mantova Bike Festival, Fiab Amici della bicicletta di Mantova, Age Mantova, Arci Fuzzy e Pedibus Millepiedini, insieme ai partner che hanno attivamente partecipato all’ideazione e creazione dell’evento in accordo con gli obbiettivi del progetto Epicentro.

Le informazioni sull’evento sono anche in giro per la città: in Valletta Valsecchi le trovate con i con i disegni realizzati dai bambini della Ludoteca nei totem parlanti diffusi in biblioteca.

Annunci

Rispondi